"Quanto più saremo di buon animo e pronti a darci ai fratelli e generosi con Dio, più Dio sarà generoso con noi."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Ieri, domenica 3 giugno, a Roma presso la Parrocchia orionina Mater Dei la famiglia di San Luigi Orione si è allargata accogliendo Don Gabriel.


Qui di seguito l’omelia integrale del Vescovo Monsignor Giovanni D’Ercole.

1. È sempre edificante riascoltare il racconto che fanno gli evangelisti dell’ultima cena, Pasqua della nuova ed eterna Alleanza. Raccolti nel cenacolo per consumare il rito tradizionale ebraico, mentre Giuda si apprestava a percorrere la strada del tradimento, Gesù compie due gesti accompagnati da altrettante indicazioni pastorali assai concrete. Fermiamoci a contemplare questa scena nel giorno in cui celebriamo la festa solenne del Corpus Domini e ci apprestiamo a vivere insieme l’ordinazione presbiterale del diacono Gabriel. Nel cenacolo, quel giovedì che precedeva la sua passione, morte e risurrezione, il Signore si cinse i fianchi con un asciugatoio, lavò i piedi agli apostoli e commentò: “Se dunque io, il Signore e maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri”(Gv. 13,14). Dovete! Non dice vi consiglio, ma lo ordino: così riferisce l’evangelista Giovanni tralasciando la narrazione dell’istituzione dell’Eucaristia, che invece troviamo nei sinottici, Marco, Matteo e Luca, ognuno con accentuazioni particolari.  Abbiamo ascoltato poc’anzi san Marco riferirci nel vangelo che, mentre erano a tavola e mangiavano, il Cristo prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede agli apostoli dicendo: ”Prendete! Questo è il mio corpo”.  Prendete! Anche qui si tratta di un ordine e non di un consiglio. Il verbo è preciso e senza equivoci, anzi è ordine quasi perentorio: Prendete! Ordine che risuona nei secoli stringente e senza alibi per ogni presbitero, per ciascuno di noi battezzati. Gesù non chiede agli Apostoli, e quest’oggi a te caro don Gabriel, solo di adorare, contemplare, venerare quel Pane; dice molto di più: Prendetemi, io voglio stare nelle vostre mani come dono, nella vostra bocca come pane, nel vostro cuore come sangue per irrorare della mia misericordia il mondo intero.
2. “Prendete!” Caro Gabriel, l’odierna liturgia t’invita a considerare il tuo sacerdozio in questa luce. Gesù ti ripete: Prendimi, mangia e condividi, perché voglio farmi cellula, respiro, pensiero della tua esistenza; voglio trasformarla. Voglio essere la tua vita, anzi desidero che la tua vita diventi totalmente mia perché tu possa diffondere il mio amore, amore misericordioso che vince il male e trasforma il mondo. Ogni volta che celebrerai l’Eucaristia, senti risuonare in te  l’eco di questa parola: Prendete!  Avvertirai tutto il bisogno di Dio di realizzare con gli uomini una comunione senza ostacoli, senza paure, senza secondi fini. Il sacerdote è un cuore che si assimila al cuore di Cristo per diventare con Lui una cosa sola. San Leone Magno l’esprime con una celebre formula: partecipare al corpo e al sangue di Cristo non tende ad altro che a trasformarci in quello che riceviamo.
3. “Prendete!” Caro Gabriel, grande è il dono che ti è dato, e alta la responsabilità che lo accompagna. Resta fedele a questa consegna; solo così, le persone, che la Provvidenza affiderà alle tue cure, saranno aiutate a diventare corpo vivo di Cristo. Dio non è venuto nel mondo con il semplice obiettivo di perdonare i nostri peccati. Sarebbe una visione riduttiva, sia di Dio che dell'uomo. Il suo progetto è più profondo e completo: portare il cielo nella terra, Dio nell'uomo, vita immensa in questa misera nostra vita terrena. Dio, in Gesù Cristo, è venuto a portarci se stesso. Nel suo corpo ci colma della sua stessa storia, ci assimila a lui, ci rende trasparenza della sua bontà e tenerezza. Prendete questo corpo è quindi stimolo a vivere nel mondo restando radicati in lui, imitandone la stessa cura e passione per ogni forma di vita. E’ vero: Con il suo corpo il Signore ci consegna la sua storia; con il suo sangue, ci rende partecipi della sua passione e della sua fedeltà fino all'estremo. Vuole che le vene della nostra anima siano irrorate dal flusso della vita divina capace di innestare nel cuore umano la vivacità dello Spirito.
4. “Prendete!” Caro Gabriel, mantieniti fedele a questa consegna e cammina strettamente unito a Cristo sommo Sacerdote. Consegnandoti il pane e il vino dirò tra poco: “Ricevi le offerte del popolo santo per il sacrificio eucaristico.  Renditi conto di ciò che farai, imita ciò che celebrerai, conforma la tua vita al mistero della croce di Cristo Signore”. Conformarti a Gesù significa spendere la vita per Lui e per i fratelli; comporta amare tutti coloro che incontrerai, soprattutto i poveri, gli scartati e le persone più bisognose.
All’invito “Prendete” fa eco la risposta che è il più generoso, il più divino dei verbi: donare. Il prete è dono, dono d’amore per tutti. Ci è modello il nostro santo Fondatore, ricordandoci che solo la carità fa vedere e rende visibile Dio perché “la carità apre gli occhi alla fede e riscalda i cuori d’amore verso Dio”. Don Orione ha fatto di questa verità la base della sua vita mistica e apostolica, un cardine della sua pedagogia della santità. Ci ha insegnato a incontrare Dio nell’uomo da aiutare mediante le opere di carità e la carità delle opere. Scrive in proposito: “Il Signore ci giudicherà secondo le opere, e secondo la carità delle opere, perché anche le opere senza la carità di Dio che le valorizzi davanti a Lui, a nulla valgono”.
Ti aiutino lui, il nostro Fondatore e i Beati della nostra famiglia religiosa; ti accompagni e vegli sempre su di te e sul tuo ministero la vergine Madre di Dio, Maria, modello di fedeltà nell’amore. Alla sua scuola scoprirai che chi ama vive già l’eternità perché s’immerge nella gioia di dire “sì” per sempre.  Amen.

Condividi su:

Lunedì, 04 Giugno 2018

Il Papa cita Don Orione

Sabato 2 giugno, Papa Francesco ha ricevuto in udienza, nell’Aula Paolo VI, i Membri dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM).

Il suo discorso di saluto (clicca QUI per leggere il testo completo) è stato incentrato sul tema del servizio e della vicinanza a chi soffre: il Papa ha citato, tra le figure di esempio di carità fattiva e operosa, anche Don Orione, insieme a Don Guanella e il Cottolengo.

Ecco le parole del Papa:

"La carità rappresenta la forma più eloquente di testimonianza evangelica perché, rispondendo alle necessità concrete, rivela agli uomini l’amore di Dio, provvidente e padre, sempre sollecito per ciascuno. Seguendo questo insegnamento, tanti uomini e donne cristiani, nel corso dei secoli, hanno scritto pagine stupende di amore al prossimo. Penso, tra gli altri, ai santi sacerdoti Giuseppe Cottolengo, Luigi Guanella e Luigi Orione: la loro carità ha lasciato una forte impronta nella società italiana. Anche ai nostri giorni, quante persone, impegnandosi per il prossimo, sono arrivate a riscoprire la fede, perché nel malato hanno incontrato Cristo, il Figlio di Dio. Egli chiede di essere servito nei fratelli più deboli, parla al cuore di chi si pone al loro servizio e fa sperimentare la gioia dell’amore disinteressato, amore che è fonte della vera felicità."

 

Condividi su:

Domenica, 03 Giugno 2018

Corpus Domini

Celebriamo oggi la solennità Santissimo Corpo e Sangue di Cristo. Celebriamo il mistero dell’alleanza di Dio con l’umanità, un progetto prefigurato attraverso la storia del popolo d’Israele e portato a compimento attraverso la persona di Gesù Cristo. Nello stesso tempo la Liturgia riflette sul senso della Comunità cristiana, chiamata ad essere nel mondo testimone continuo della medesima alleanza. Il dono che Gesù fa di sé stesso rimane presente e comunicato attraverso diversi segni, tra i quali per la vita cristiana occupa un ruolo determinante il memoriale eucaristico: il sacramento del suo sacrificio diventa opportunità di comunione offerta a tutta l’umanità.

Condividi su:

“Quanto sarà contento Don Orione per questa bella festa a lui dedicata”, cosi commentava un ospite del Centro Diurno Don Orione di Selargius al termine dell’evento realizzato per solennizzare il 16 maggio. È stato il modo per ringraziare Dio per il dono che ha concesso alla Chiesa e alla società civile nel darci la santità di Don Orione. Alla presenza degli ospiti, familiari, volontari e alcuni dei residenti la Casa di Riposo, gli operatori con i religiosi della comunità hanno animato i momenti della festa.
Prendendo spunto da alcune tracce del musical dell’Orion Group di Chirignago “C’è posto per tutti”, sono stati sottolineati da Don Antonio Ascenzo, insieme a spigolature biografiche su Don Orione, i quattro Amori e la visione che segna i passi dei figli della Divina Provvidenza e di quanti nel suo nome operano nelle realtà caritative orionine. Il coro formato da ospiti e operatori ha animato con alcuni canti la parte finale della festa conclusa con un sobrio ma gustoso buffet nei locali del Centro Diurno

Condividi su:

Tra celebrazioni religiose e momenti ludici e pirotecnici, la comunità Orionina Reggina ha festeggiato San Luigi Orione.
Una festa semplice, organizzata dalla comunità pastorale di Sant’Antonio di Padova di Reggio Calabria, che però ha sempre uno straordinario successo grazie ad una ricetta che comprende celebrazioni e cortei religiosi ma anche momenti conviviali con gli stand gastronomici e lo spettacolo pirotecnico. Già di buon mattino i gruppi parrocchiali sono impegnati a preparare la festa del nostro San Luigi Orione, allestendo stand, e le zone in cui si svolgerà la festa e la processione. Si parte alle ore 10 con la celebrazione Eucaristica nella casa di riposo Don Orione per rendere partecipi gli ospiti e i parenti. Subito dopo la celebrazione, si fa festa con un rinfresco a base di dolci e torte preparati dal personale della casa. La festa ludica ha inizio nel primo pomeriggio, con l'apertura alle 16 dell’area allestita all'interno della piazza del Santuario, dei giochi gonfiabili, per la gioia dei numerosi bambini accorsi per l'occasione e accolti dai giovani e giovanissimi della parrocchia.

Alle 18,30 il momento più importante della festa religiosa. Si parte con la processione seguita da molti parrocchiani e devoti che hanno accompagnato la statua raffigurante il Santo fin dentro il Santuario per poi partecipare alla funzione Solenne in memoria di San Luigi Orione. Subito dopo la funzione religiosa si dà inizio ai festeggiamenti civili, con una novità che mancava da anni, U Ballu du Sceccu (Il Ballo dell'asino) tipico del territorio reggino. La serata si accende con petardi e fuochi d'artificio, che vengono accessi all'inizio della danza: u Sceccu che viene "ballato" lentamente a suon di tarantella da una persona che si cela dentro la struttura dell'asino e durante il ballo, i fuochi di artificio illuminano la gente che assiste allo spettacolo pirotecnico. Finita l'esibizione si dà il via agli stand gastronomici per gustare i prodotti tipici locali e le torte preparate dal MLO della parrocchia. Naturalmente non sono mancate le esibizioni canore con il Karaoke animato dai i giovani del MGO parrocchiale.

Condividi su:

Lo scorso 16 maggio 2018, Festa di San Luigi Orione, Sua Eminenza il Cardinale Angelo Bagnasco ha presieduto la Santa Messa al Paverano, dando inizio al Giubileo per i novecento anni di consacrazione della Chiesa del Paverano, dedicata, come la nostra Cattedrale, a San Giovanni Battista (1118-2018). Il Giubileo apertosi il 16 maggio si concluderà l’8 dicembre 2018, nella Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria.
La celebrazione si è svolta nel piazzale antistante la chiesa, affollato dalla famiglia del Piccolo Cottolengo genovese, con tante signore e i signori che abitano e vivono al Paverano, operatori, volontari, amici del Piccolo Cottolengo genovese. Erano presenti anche gli alunni della classe quinta elementare della scuola Solari, impegnati poi nel pomeriggio in uno spettacolo teatrale (cfr. sotto nell’articolo). Hanno concelebrato la Santa Messa i sacerdoti orionini della Comunità di Genova e i parroci del Vicariato.
Il Cardinale Arcivescovo ha avuto parole sentite di affetto e gratitudine per la presenza quasi secolare a Genova dei figli di Don Orione e ancora oggi viva e operosa. Ecco qui a lato il testo integrale dell’omelia.
La grande Casa del Paverano, acquisita da Don Orione nel 1933, è la Casa principale del Piccolo Cottolengo genovese (tra le principali altre ricordiamo quella di Camaldoli, di Quarto Castagna, di Bogliasco, di San Nicolò del Boschetto, di Santa Caterina di Molassana) che accoglie complessivamente circa 1300 persone.
In particolare al Paverano abitano oggi circa 550 persone anziane o con disabilità; all’interno del complesso del Paverano sorgono il Centro riabilitativo Boggiano Pico (che serve più di duecento bambini con servizi poliambulatoriali e 30 ragazzi presso il centro diurno) e il Centro Socio Sanitario Von Pauer (con servizi aperti anche alla utenza esterna quali un Centro Diurno Anziani; una Piastra ambulatoriale polispecialistica e una Palestra di riabilitazione; un Ambulatorio per la cura delle Lesioni Cutanee; un Servizio di assistenza infermieristica, riabilitativa e sociosanitaria per l’utenza del territorio e un Centro riabilitativo per l’infanzia, l’adolescenza (AIAF).
Nel pomeriggio la festa è proseguita con lo spettacolo teatrale “Nel mare dei desideri”, a cura del gruppo “Arca di Noè 2.0”, nato nel 2009 e formato da alcune persone con disabilità che abitano nelle Case dell’Opera Don Orione (Paverano e Villa Moresco di Bogliasco), dai bambini della Scuola Primaria “Solari” (Ist. Comprensivo Terralba), dalle persone detenute nel Centro Clinico della Casa Circondariale di Marassi, da un gruppo di ragazzi migranti africani in collaborazione con il CPIA Genova Centro Levante, da alcuni educatori professionali dell’Opera Don Orione, da alcune insegnanti della Scuola Solari e CPIA Genova Centro Levante e da alcuni volontari. Riferimento del gruppo teatrale è il teatro sociale e di ricerca, aperto ai luoghi di confine, di emarginazione, di cura, le scuole, le case circondariali, i quartieri in periferia, i centri d’accoglienza.

Condividi su:

Il Vicario del Papa della Diocesi di Roma, sue Eccellenza Mons. Angelo De Donatis, ha presieduto la celebrazione solenne per i festeggiamenti liturgici di San Luigi Orione.
Nella parrocchia di Ognissanti, alle porte di San Giovanni in Laterano, fondata proprio dal Santo, in quella che San Pio X chiamava “La Patagonia romana”, sono stati celebrati vari eventi a partire dalla Novena per ricordare il Santo della Carità. Alle ore 19:00 è iniziata la Santa Messa Concelebrata con la presenza di Don Fulvio Ferrari, Economo Generale dell’Opera, della comunità religiosa della Curia, del Parroco Don Francesco Mazzitelli, del Direttore della casa “Orione Appio”, dell’Istituto Teologico e del Noviziato dell’Opera.

L’Arcivescovo De Donatis durante la sua omelia, ha ricordato come il Fondatore seppe portare in quella estrema periferia, nei primi del novecento, la luce della speranza, occasione di un riscatto sociale e morale tra gente povera ma con un cuore grande. Don Orione, in questa zona che era una campagna sconfinata, intuì e vide il futuro della parrocchia e delle altre opere annesse che tutt’ora sono il cuore pulsante del quartiere.

Il Pastore ha richiamato le parole del fondatore “Anime, anime” e facendo suo il motto di San Pio X “Instaurare omnia in Christo”, ha ricordato il programma di andare ai poveri, di amare il Papa e di servire la Chiesa.
Appena terminata la Santa Messa la statua del Santo è stata portata in processione per le vie quartiere, accompagnata dai sacerdoti dell’Opera, dai giovani e da tutti i fedeli presenti. I festeggiamenti si sono conclusi nel cortile dell’istituto San Filippo Neri tra musica, gastronomia e fuochi d’artificio.

Condividi su:

Ed anche a Bergamo si festeggia!
È per gli operatori del Centro Don Orione di Bergamo un momento di grande festa, quello che si è celebrato il 16 maggio, con ospiti del Centro, personale e parenti; una festa ricca di eventi ed espressione di gratitudine verso Dio Creatore. Infatti, oltre alla celebrazione in ricordo della canonizzazione di Don Luigi Orione, Bergamo festeggia il compleanno di Don Pietro Vazzoler (83 anni magnificamente portati), sacerdote molto amato per la sua dolcezza, per la sua costante presenza fra gli ospiti e fra il personale. Sempre una buona parola ed un sorriso per tutti quelli che incontra.
Festa nella Festa, continuano anche i festeggiamenti per i 30 anni di fondazione della Casa Orionina in Bergamo.
Il programma della giornata, intenso e molto partecipato, ha inizio con la Santa Messa solenne presieduta da Don Pietro e da tutti i sacerdoti della Casa, alla quale hanno partecipato ospiti, personale, parenti e volontari.
Dopo la Santa Messa tutti in giardino per l’aperitivo e per festeggiare il personale  che da trenta anni opera all’interno del Don Orione. Don Alessio ed i confratelli hanno consegnato agli 11 operatori, tra gli applausi di tutti, una targhetta di San Luigi Orione ed un meraviglioso testo fotografico della fondazione: “Immagini per un sorriso”.
Ma chi sono gli operatori che hanno letteralmente “aperto” il Centro insieme a Don Guido Borchini e a Don Cirillo Longo? Eccoli: Teresa Giuliano, Signori Nadia, Rinaldi M.Grazia, Marchi Sergio, Quarteroni Loredana, Scarpellini Ovidio, Mazzoleni Cinzia, Ravelli Emanuela, Volpi Katia, Bossetti Luigina ed Esam Abd El Monin. A tutti loro va un grande ringraziamento per il prezioso servizio reso alla comunità in tutti questi anni, servizio che ancor oggi continuano con lodevole laboriosità e dedizione.
Ma la festa non finisce qui… il pomeriggio ha per protagonista il “salame”, o meglio… la “salamata”! Un salame di Varzi donato a Don Alessio e alla comunità, lungo ben un metro e mezzo, unito ad altre leccornie vengono presi d’assalto in un’allegra merenda condita da musica, canti e risate!

Condividi su:

Venerdì, 18 Maggio 2018

Fano - Festa San Luigi Orione

Anche quest’anno grandi e significativi eventi a Fano, presso l’Istituto mons. Gentili, in occasione dei festeggiamenti in onore di S. Luigi Orione.
Tutti coinvolti a dare vita al messaggio di un santo che ha fatto della sua vita un canto di “Divina Carità”.
Ad aprire i festeggiamenti la solenne concelebrazione presieduta dal vescovo Armando Trasarti; presenti il sindaco, autorità militari, operatori, ospiti, laici del Movimento Laicale, professori, alunni, le suore con le ragazze di Casa Serena.
Quest’anno la comunità religiosa ha accolto l’economo generale Don Fulvio Ferrari.
A dare solennità alla festa il concerto lirico, il bellissimo spettacolo teatrale degli alunni e professori “Uomini in piedi”, il triduo parrocchiale predicato dai religiosi orionini dell’Istituto, la presentazione in teatro dei progetti da parte dei laboratori meccanici, informatici ed elettrici delle scuole Don Orione, la proiezione guidata del film “Qualcosa di Don Orione” nella prima serata del 16 Maggio, per concludere in bellezza.
La grande famiglia del Don Gentili in Fano non si stancherà mai di gridare che “Solo la carità salverà il mondo!”.

Condividi su:

Il 16 maggio, i bambini dell'asilo nido la coccinella sono andati a festeggiare la canonizzazione di Don Orione presso il pensionato Don Luigi Orione di Fumo, Corvino San Quirico.
Nelle giornate precedenti i bambini hanno avuto modo di sentire i racconti sulla vita del Santo (racconti tratti da "l'asinello di Dio"); la parte che è stata recepita in maniera viva e profonda è stata la parte in cui il piccolo Luigi portava fiori alla Madonna per renderle grazie.
In questa azione i bimbi si sono ritrovati tutti e hanno avuto modo di sentirsi uniti in questo gesto di generosa condivisione. Con questo spirito i bambini hanno preparato delle campanelle azzurre di carta crespa, da portare loro stessi ai nonni del pensionato e donarle tutti insieme alla Madonnina. L'arrivo dei bimbi è stato accolto con gioia e affetto da parte di tutti.
È stato un bel momento in cui bimbi e nonni hanno potuto sentire e rendere manifesto l'amore di cui sono portatori.

Condividi su:

Pagina 7 di 61

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3