"Amare il Papa e ubbidire al Papa non è un’opinione ma una verità."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Lunedì 1 gennaio, solennità della Santissima Madre di Dio, alle ore 17, il rettore Don Renzo Vanoi ha aperto solennemente l’Anno della Carità (anno giubilare del centenario 1918-2018 del Voto che Don Orione fece per la costruzione del Santuario).
La Basilica sarà luogo di misericordia e di grazia con la possibilità di lucrare l’indulgenza plenaria dall’11 marzo (celebrazione presieduta dall’arcivescovo metropolita di Genova il cardinale Angelo Bagnasco) al 29 agosto 2018 (celebrazione presieduta dall’arcivescovo di Milano Mario Enrico Delpini).

Il Santuario faticava a contenere i numerosi fedeli che hanno partecipato alla celebrazione di apertura dell’Anno della Carità nel centenario del Voto che Don Orione fece con la popolazione del rione di San Bernardino il 29 agosto 1918: “Nel nome di Dio e della celeste Madre del Signore, Maria Santissima: con la piena approvazione del nostro caro e veneratissimo Vescovo, Monsignor Simon Pietro Grassi, Vi chiamo, o Fedeli, ad aiutarmi ad innalzare in Tortona, a San Bernardino, un degno Santuario Votivo alla Madonna della Guardia”.
Il rettore Don Renzo Vanoi all’inizio della celebrazione ha aperto la Porta che sarà porta di misericordia come detto in precedenza, dall’11 marzo al 29 agosto 2018. Nella riflessione ha sottolineato l’importanza di “un anno di carità orionina, un anno con un cuore grande come quello di don Orione che non ha avuto confini, amando sino alla fine. Egli ha combattuto tante lotte su questa terra, ha concluso don Vanoi, ma sempre con il comandamento nuovo sulle sue labbra e nel suo cuore quello dell’amore al prossimo. Sia un anno di misericordia e di grazia per tutti noi che conosciamo e frequentiamo questo Santuario”.
Al termine insieme ai confratelli don Cesare Concas, don Frédéric Dassa e ai ministranti, sono saliti ai piedi della Statua della Vergine guardiana per la benedizione solenne sulle note dell’Inno “O Trinità beata” composto per questo Anno Santo dal prof. Angelo D’Acunto e armonizzato dall’organista del Santuario il M° Alberto Do.

Leggi QUI la prima circolare dell'anno della Carità di Don Renzo Vanoi.

Ascolta QUI l'omelia.

 

Condividi su:

Siamo giunti alla vigilia della solennità dell’Immacolata ed esplode di gioia il canto del Magnificat.  “Questo cantico di lode, commenta don Cesare Concas, interpretatelo come volete, sia che Maria lo abbia fatto sgorgare interamente dal suo cuore, sia, come vogliono alcuni studiosi, un insieme di espressioni già presenti nella Bibbia, ma in quel momento Maria le ha fatte sue per innalzare al suo Signore questo inno di grazie. Maria non ha mai sbattuto la porta in faccia a Dio, non lo ha rinnegato, non gli ha chiuso il cuore, non gli ha posto mille domande. Ha continuato a dire:” Eccomi, sempre, fino al giorno in cui fu assunta in Cielo accanto al suo Figlio. Ed oggi dice a me e a ciascuno di voi:” Fidati di Dio, non resterai deluso”.

Condividi su:

Ormai all’ottavo giorno della novena, la solennità dell’Immacolata inizia a irrompere nel nostro cuore e la riflesisone odierna ci invita a riflettere sil brano di Giovanni al capitolo 2 (1-10), le Nozze di Cana.  “Le parole di questo brano, commenta don Cesare, ormai note a tutti, rischiano di non dirci più niente. Proviamo a soffermarci un attimo. Nel racconto notiamo tre momenti. l’attenzione di Maria: Maria si accorge che è venuto a mancare il vino; l’interessamento, l’intercessione di Maria: “Figlio non hanno pi vino.”; la collaborazione: “Fate tutto quello che vi dirà. Concludendo cerchiamo di essere sempre pronti ad ascoltare le buone ispirazioni di bene che Maria sussurrerà al nostro cuore“.

 

Condividi su:

Settimo giorno della novena con la riflessione che verte sul capitolo 1 di Luca ai versetti (26-28.38). …’Allora Maria disse:” Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga per me quello che hai detto’. “Parole da capogiro commenta don Cesare. Anche Maria non ci capì più di tanto, ma quando Dio irrompe nella vita di un’anima con questa delicatezza, ma, allo stesso tempo, con tale forza e decisione che gli sono proprie, è inutile tergiversare, non si può fare altro che dire:” Eccomi, fai tu…”. Maria, tu ci conosci; tu sai cosa è bene per noi. Indicaci la strada, rafforza la volontà, infiamma il cuore di ciascuno ed aiuta anche noi a dire:” Eccomi, Signore, fai tu”.

Condividi su:

Siamo giunti al sesto giorno della novena guidati dalla Parola del Signore che ci invita a vegliare in attesa dle suo ritorno.

In questo giorno la riflessione di don Cesare verte su un passo del libro di Giuditta e la bella esclamazione dell’Angelo a Maria ‘benedetta fra tutte le donne’.

“Da sempre la liturgia, dice don Concas, ha appplicato questo passo a Maria, Colei che ha vinto il vero nemico del nuovo popolo di Dio, avendo generato Cristo Salvatore, Colui che ha strappato a Satana il potere. E, ancor oggi il popolo cristiano innalza a Maria le stesse parole che il popolo rivolse a Giuditta:” Benedetta sei Tu, Vergine Maria, fra tutte le donne”.

Il proposito del giorno è quello di recitare un Ave Maria per la tutta la Chiesa e per ogni cristiano che lotta per la salvezza della sua anima.

Condividi su:

Da oggi, inizio del nuovo anno liturgico, ci metteremo in ascolto dell’evangelista Marco e saremo accompagnati dal commento di don Achille Morabito.

Ogni settimana sul sito della Madonna della Guardia verrà pubblicato, il venerdì, l’audio commento, che poi potrete ritrovare alla domenica nella sezione Non di solo pane di questo sito: un aiuto alla comprensione e riflessione domenicale che don Achille offrirà a tutti.

Don Achille Morabito, sacerdote dell’Opera Don Orione, ha conseguito la Licenza al Pontifico Istituto Biblico e il Dottorato alla Pontificia Università Gregoriana.

Dopo alcuni anni di insegnamento, è stato nominato prima Postulatore per le Cause dei Santi; poi Direttore Provinciale (Centro-Sud e Albania) e infine Vicario Generale. Ha curato per alcuni anni la pagina biblica della rivista “Don Orione oggi”.

Attualmente vive nella Casa Madre di Tortona, il Paterno, e segue un gruppo di giovani postulanti. Ha pubblicato per le edizioni Velar un libro sui Vangeli, intitolato "Tanto per per cominciare", di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Condividi su:

Domenica, 03 Dicembre 2017

Prima domenica di avvento: vegliate!

La prima domenica di avvento segna l'inizio di un nuovo anno liturgico, che sarà accompagnato dal Vangelo di Marco.

L'avvento è uno sguardo verso la grotta di Betlemme, che è contemporaneamente uno sguardo verso il passato,ilprimo avvento di Gesù, e verso il futuro, nell'attesa della sua venuta.

Il Signore viene sempre nella nostra vita, l'avvento per il cristiano è dunque ogni giorno:il vangelo di oggi ci dice che occorre essere vigilanti, per aprire il cuore a Cristo, per aprire gli occhi e vedere la venuta di Gesù nella storia.

Per approfondire,vi invitiamo all'ascolto del commento alle letture di Don Achille Morabito.

Condividi su:

In questa prima domenica dell’anno liturgico, si celebra il quinto giorno della novena alla Madonna Immacolata.

La riflessione di don Cesare s’incentra sulla bella giaculatoria del Cantico dei Cantici (4, 7-9. 12-13) ‘Tutta bella sei Tu, amata mia, in Te non vi è difetto. Vieni dal Libano, o sposa‘.

” Maria ancora oggi, dice don Cesare, s’impone all’attenzione di migliaia di fedeli, compresi noi, come modello di santità e nostra avvocata presso il Padre. Sentiamoci accanto a Lei in cammino verso il Figlio Gesù ed invochiamola così: Maria, Madre della Chiesa, prega per noi”.

Condividi su:

Viviamo il quarto giorno della Novena all’Immacolata Concezione con uno sguardo sempre più proteso all'attesa. Con la messa vespertina di questa sera inizierà il tempo dell’Avvento, tempo nel quale ci viene chiesto di vegliare, pronti per il ritorno del Padre.

La riflessione di don Conas è tratta dal libro dei Proverbi: Beati quelli che seguono le mie vie! Ascoltate l’esortazione e siate saggi, non trascuratela. Beato l’uomo che mi ascolta, vegliando ogni giorno alle mie porte. “Questo brano, commenta don Cesare, che tesse l’elogio della Sapienza, ben si addice alla figura di Maria, nata nel tempo, come ogni creatura, ma concepita da sempre nel cuore di Dio in cui tutto è presente fin dall’inizio“.

L’impegno e la preghiera odierna è la richiesta a Maria di darci sapienza per poter camminare come e con Lei nelle vie del Signore ed essere a Lui graditi.

Condividi su:

Nel terzo giorno della Novena, la riflessione proposta da don Cesare Concas si sofferma sulla figura di Acaz, sottolineando le successive parole del Signore: “Ecco la Vergine concepirà e partorirà un Figlio”.

“I tempi di Dio non sono i nostri tempi – ci dice don Cesare - ma Egli, ricordiamoci, mantiene sempre le promesse per il suo popolo. Lui governa il mondo con la Sua presenza”.

Il proposito di questa giornata è diventare sempre più strumento docile nelle mani del Signore.

Attraverso la tutta bella e piena di grazia il Signore ci dia l’abbonzanza della sua misericordia!.

Condividi su:

Pagina 6 di 39

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3