"La preghiera è sempre stata la forza dei deboli e la Chiesa ha vinto con essa le sue battaglie."
Don Orione

XXIV domenica del tempo ordinario - Tu sei il Cristo

Il Vangelo di questa domenica ci presenta la professione di fede di Pietro, a Cesarea di Filippo.

Questo brano segna un cambio di passo nel Vangelo di Marco: nella prima parte, l'evangelista vuolesvelare poco a poco attraverso miracoli, esorcismi e controversie l'identità di Gesù, nella seconda parte, con la professione di Pietro abbiamo un primo svelamento di chi è Gesù.

"Tu sei il Cristo" dice Pietro, ma Gesù impone il silenzio, non vuole essere scambiato per un messia politico e glorioso, che scaccerà l'oppressore romano. Di che messia si tratta allora? Il messia è il figlio dell'uomo sofferente, che segue la via della Croce, la stessa che devono seguire i discepoli.

I discepoli, dunque, non sono chiamati a capire, ma a seguire Gesù su questa via, donando se stessi, la propria vita. A noi, oggi, rivolge la stessa domanda: chi sono io per te? Sono il centro del mondo, della tua storia? Sei disposto a seguirmi sulla via della Croce?

Vi invitiamo a leggere l'omelia che Papa Paolo VI tenne a Manila il 29 novembre 1970, un inno di rara bellezza a Gesù Cristo, in allegato all'articolo.

 

Condividi su:

Video