"Tutti abbiamo dei difetti e chi dice di non averne ne ha più degli altri."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Giovedì, 17 Dicembre 2015

Istat - Le persone senza fissa dimora

I dati pubblicati dall’Istituto Statistico riguardanti i senza fissa dimora segnalano un fenomeno in aumento, sia nei numeri che nella durata.
Il carisma di don Orione, oltre che le “case” abitabili, e spesso sottoutilizzate, di cui a volte il mondo religioso in generale dispone, si trasformano in un forte interpello.
I dati sono i seguenti: sono oltre 50.700 le persone senza fissa dimora in Italia, in aumento rispetto alle 47.648 stimate nel 2011.

La stima arriva dall'Istat sulla base di coloro che nei mesi di novembre e dicembre 2014, hanno utilizzato almeno un servizio di mensa o accoglienza notturna nei 158 comuni italiani in cui è stata condotta l'indagine. L'Istat che nel 2014 ha realizzato la seconda indagine sulla condizione delle persone che vivono in povertà estrema, a seguito di una convenzione tra Istat, ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Federazione italiana degli organismi per le persone senza dimora (fio.PSD) e Caritas Italiana.

Secondo l’indagine, più della metà dei senza fissa dimora vive al nord, dove l’offerta dei servizi è maggiore, uno su quattro (il 25 per cento) vive al centro e solo uno su cinque (20 per cento) nel Mezzogiorno, dove tuttavia le presenze sono aumentate del 2 per cento.

Clicca QUI per leggere il rapporto completo.

Condividi su:

Martedì, 21 Luglio 2015

Il fenomeno dei Migranti

Di fronte al fenomeno oramai di proporzioni “bibliche” delle migrazioni, la nostra responsabilità cristiana e orionina ci chiede di analizzare quanto sta accadendo, e, laddove possibile, di organizzare l’accoglienza e il sostegno a percorsi di inclusione e lavoro.


E’ quello che sta già accadendo in qualche nostra casa. Naturalmente il lavoro è il cuore di veri percorsi di accoglienza: senza di esso, si rischia la deriva di un pericoloso assistenzialismo. Come trasformare i nostri progetti da pura ospitalità a progetti di inclusione? Per approfondire, si possono leggere i due rapporti del Ministero del Lavoro (clicca QUI per il V Rapporto sui migranti nel mercato del lavoro) e di ANCI/Cittalia (clicca QUI per il XII Rapporto sui Minori Stranieri Non Accompagnati)

Condividi su:

Mercoledì, 15 Luglio 2015

Salviamo il sociale

ll Censis, Centro Studi Investimenti Sociali ha pubblicato una ricerca socio-economica sui dati più rilevanti nell’ambito delle politiche sociali e sociosanitarie. Dopo l’annus terribilis del 2012, in cui fu azzerato sia il Fondo Sociale che il Fondo per la Non autosufficienza, questi strumenti sono ripartiti, dando luogo a diversi progetti, secondo il meccanismo della sussidiarietà.

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3