"Tutto l’amore e le premure di Dio sono nel ricondurre la pecorella all’ovile."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Cristiani uniti

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Giovedì, 03 Novembre 2016

Romania - Festeggiamenti per i 25 anni orionini a Oradea

“Lavoriamo e sacrifichiamoci in umiltà, a gloria di Dio! Soli Deo honor et gloria! Regni sempre tra voi la bella, soavissima unione e concordia, che ha fatto ignora di noi un cuor solo e un’anima sola, ai piedi della Chiesa. Lavoriamo a salvar anime, specie la gioventù più povera e i poveri più abbandonati.” (D. ORIONE – lettere II pag. 125)
Queste parole del nostro Fondatore esprimono molto bene quanto si è vissuto ad Oradea dal 27 al 30 ottobre in occasione dei festeggiamenti del 25 anniversario della nostra presenza in Romania.
Una festa di famiglia: presenti i responsabili e i rappresentanti delle tre comunità della Romania, il superiore provinciale Don Aurelio Fusi, gli amici - volontari di Udine e i chierici di Roma. Si respirava realmente la gioia di essere fratelli e nel ricordo di coloro che con tanto sacrificio hanno dato vita all’opera in questa amata terra. Questo è il dono più bello e significativo perché dimostra che il bene seminato sta dando frutti.
Una festa di ringraziamento: quanto bene si è fatto e quante persone hanno collaborato con i sacerdoti per dare speranza e futuro a giovani, anziani e a tanti poveri. Un ringraziamento che è stato condiviso attraverso uno spettacolo condotto dai giovani e ragazzi della scuola Don Orione, dai ragazzi di Bucarest e dai seminaristi di Iasi. Ringraziamento anche da parte delle autorità civili della città e del governo presenti alla manifestazione.
Una festa del servizio: servizio inteso come vuole Gesù “Io sono venuto per servire e non per essere servito”. Il segno è stato la consegna dei grembiuli alle autorità, ai superiori, al Vescovo, ai professori, ai volontari e ai seminaristi, ricordando loro che tutti siamo servitori e nessuno può ritenersi superiore all’altro, come ha voluto Don Orione.
Una festa di condivisione: una giornata è stata dedicata al confronto con i professori della scuola dove tutti hanno potuto esprimere il proprio parere sull’attività che la Congregazione svolge in Romania.
Una festa della cultura: si è parlato di educazione con diversi professori universitari ed esperti nell’azione educativa dei giovani.
Ringraziamo il Vescovo Greco Cattolico Virgil che ha presieduto la celebrazione di chiusura del venticinquesimo. Durante la celebrazione ha conferito al padre provinciale Don Aurelio il titolo di iconomo stavroforo, come segno di gratitudine alla provincia religiosa per il bene svolto da tanti orionina nella diocesi e nella scuola Don Orione.
Diciamo grazie al Signore che nonostante i nostri limiti continua la sua azione, ringraziamo i nostri confratelli che con dedizione e spirito di sacrificio continuano l’opera intrapresa 25 anni fa, ringraziamo tutti i nostri collaboratori e soprattutto il direttore e il manager della scuola Don Orione cha hanno reso possibile questo evento.

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Cristiani uniti

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3