"Il Papa non si ama mai abbastanza."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Giovedì, 04 Ottobre 2018

Vivere il vangelo per una migliore qualità di vita

Con l’apertura dell’ottobre missionario pubblichiamo l’intervista a Don Benjamin, direttore della comunità del Banin, aperta lo scorso anno.

Quale emozione o sentimento hai provato arrivando nella nuova missione?

L’emozione che ho provato è quella tipica che si sperimenta di fronte al “nuovo” e allo “sconosciuto”, la trepidazione per il mio nuovo ruolo di direttore della comunità e per l’immenso lavoro da svolgere. La mia emozione era quella di una persona che si lancia in un’avventura e vi si butta anima e corpo per raggiungere il fine che solo Dio conosce. Un’emozione grande: quella di una persona che rischia e si gioca tutto sapendo che può vincere ma anche perdere, ma nella certezza che vale la pena di lasciarsi condurre dalla mano di Dio perché solo questo fa vivere veramente.

Quali sogni porti nel cuore per la comunità alla quale sei stato mandato?

Per la mia comunità religiosa ho sognato di fare tutto il possibile per creare un clima di serenità che permetta al fratello di dare il meglio di sé, di essere pienamente se stesso senza ipocrisia. Per i fedeli e la gente dei villaggi ho sognato di poterli aiutare ad avere un atteggiamento di fiducia nei confronti della vita e di Dio, in modo da poter fare delle scelte libere e responsabili.

Quali sono le esigenze o bisogni più urgenti della gente che hai trovato?

Dopo un anno di esperienza a Malanville penso che i fedeli abbiano bisogno di capire meglio il vangelo per poter metterlo in pratica. Per raggiungere questo obiettivo occorre innanzitutto insegnar loro a leggere e a scrivere, perché molti sono analfabeti. È urgente per questa gente un’educazione scolastica. Molti sono purtroppo i bambini che girano per le strade chiedendo l’elemosina e non avendo la possibilità di alcuna istruzione. Penso di creare una piccola struttura dove questi bambini possano fare la doccia, mangiare qualcosa, giocare e pian piano imparare a leggere e a scrivere. Penso che la prima povertà è lì: l’analfabetismo.

Cosa e come vi siete organizzati? Quali attività avete avviato?

Questo primo anno ci è servito come esperienza. Sul piano pastorale abbiamo lavorato molto per sistemare tante cose che non funzionavano in parrocchia: rinnovando i referenti dei gruppi e dei consigli e dando nuova vita alle associazioni. Abbiamo “risvegliato” due comunità in due villaggi, oltre la comunità della città di Malanville.
 
Ci sono degli ostacoli che rendono faticosa la vostra opera? Quali?

Il primo ostacolo è la lingua. Comunichiamo in francese ma quanti capiscono questa lingua? Un altro ostacolo potente è la cultura che ha un peso forte sulle persone. Evangelizzare la cultura è un impegno davvero grande.

Quale messaggio o slogan o provocazione vorresti lanciare a chi vive in Italia?

Come slogan sceglierei il seguente: “vivere il vangelo per una miglior qualità di vita”.

Don Benjamin con il vescovo

Condividi su:

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3