"Escano dal cuore della Chiesa nuovi e umili discepoli del Cristo, anime vibranti di fede, i facchini di Dio, i seminatori della fede."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Lunedì, 02 Novembre 2015

In Gesù Cristo il nuovo umanesimo

Il fatto che i tempi siano cambiati e che la società di oggi presenti alcuni tratti “sui generis” è sicuramente un dato di fatto. Attualmente, le vie di comunicazione sono paradossalmente infinite, così come le opportunità che ogni persona ha per rendere la propria vita un qualcosa di eccezionale, cosa che in passato per molti poteva essere semplice utopia o lo slogan di qualche spot televisivo. Queste opportunità sono legate a quegli aspetti più tangibili che ognuno di noi conosce benissimo: viaggiare a basso costo grazie alle compagnie aeree low cost, studiare o lavorare all’estero e poter partecipare ad una miriade di eventi grazie all’ausilio delle nuove piattaforme online. Ciononostante le vere nuove opportunità sono altre. La bellezza della società attuale risiede nel fatto che tutti hanno la possibilità di esprimersi, di far sentire la propria voce e il proprio punto di vista ad una miriade di persone: si pensi alla “Primavera araba” e all’importanza cruciale che ha rivestito Twitter per diffondere notizie in tempo reale. Eppure, la rete non è solo questo: attraverso il web è possibile far emergere la propria creatività e far emergere nuovi aspetti di “condivisione” e di “cooperazione”. Stiamo parlando delle nuove forme di “citizen journalism” e di quel concetto che Pierre Lévy, grande sociologo francese, ha definito come: “Intelligenza collettiva”. A differenza del passato, gli individui hanno l’opportunità di reperire informazioni in tempi pressoché inesistenti, di analizzare gli eventi in ogni minimo aspetto e allo stesso tempo sentirsi in dovere di condividere il proprio sapere con gli altri. L’esempio più banale è quello dello spoiling. Questa pratica consiste nel reperire informazioni, nonché anticipazioni riguardo ad un determinato film, serie televisiva o programma televisivo, condividendole con altre persone. Ma perché mai una persona dovrebbe condividere informazioni, mettendole a disposizione di una comunità online? Proprio a questo riguardo, si potrebbe parlare di umanesimo digitale, di una nuova forma di fratellanza e di altruismo in cui si cerca di aiutare chi è povero di conoscenza e di informazioni. La bellezza del web risiede, quindi, in questa nuova visione di cooperazione in cui tutti possono sentirsi parte integrante di qualcosa. Tralasciando gli aspetti negativi e di tutte le insidie che sono nascoste negli ambienti digitali, il web 2.0.ha cambiato radicalmente la vita dei giovani, o per meglio dire, dei “Nativi digitali”. I giovani di oggi vengono considerati passivi, asociali e fin troppo presi dalle nuove tecnologie, ma è anche vero che se non fosse stato per l’ausilio di questi strumenti digitali non avrebbero mai sviluppato competenze che un tempo sarebbero state acquisite solo da pochi eletti. Tutti, ma in particolar modo i giovani di oggi, si ritrovano ad essere i protagonisti di una nuova cultura: la cultura dei “mash-up”, dei video di fan accaniti e degli ipertesti di blogger che condividono il loro sapere su piattaforme gratuite come wordpress.  Con un semplice computer e con una semplice videocamera è possibile diventare dei piccoli registi di tutto rispetto, facendo emergere gli aspetti più salienti della propria creatività. Oltre ad utilizzare il digitale per aspetti prettamente ludici, le nuove generazioni devono essere educate ad utilizzare questi nuovi strumenti in modo pratico e in modo critico, affinché le loro creazioni possano avere delle ripercussioni positive in ambiti anche prettamente sociali. Si pensi all’iniziativa che si sta portando avanti sul sito del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale:

“Trasformarsi in reporter di strada per catturare e raccontare storie di quotidiana eppure straordinaria umanità”. È questo l’invito che la redazione del sito di Firenze 2015 rivolge a chiunque s’imbatte ogni giorno in piccoli o grandi gesti di solidarietà e di attenzione verso gli altri, oppure in situazioni di difficoltà e criticità che in ogni caso faticano a guadagnarsi gli onori delle cronache. Il tema stesso del Convegno ecclesiale, in sintonia con le esortazioni di papa Francesco, chiede di dare visibilità a ciò che accade nelle tante «periferie esistenziali» dell’epoca contemporanea. Oggi più che mai i nuovi mezzi e le nuove forme della comunicazione – per esempio il cosiddetto citizen journalism («giornalismo partecipativo») – consentono di raccontare e condividere storie e testimonianze di prima mano attraverso l’uso dei dispositivi mobili e dei social network. Firenze 2015 raccoglie anche questa sfida, affidandosi in particolare alla sensibilità e alle competenze degli animatori della comunicazione e della cultura del corso Anicec, coinvolti in prima linea nella realizzazione di questo progetto di «citizen humanism». Tutti possono partecipare. È sufficiente realizzare con il proprio smartphone o tablet un video (della durata di 2-3 minuti) o un servizio fotografico e inviarlo alla redazione ([email protected] it), oppure segnalarlo dopo averlo postato sulla propria bacheca Facebook o Twitter o caricato nel proprio canale YouTube. La redazione rilancerà tutti i video pervenuti sui canali digitali legati al sito www.firenze2015.it fino al prossimo autunno. I reportage più interessanti rientreranno in un mini-film che verrà presentato durante la settimana del Convegno”.

La Chiesa è sempre al passo con i tempi e il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale che si terrà a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015 ne è la conferma. Il nuovo umanesimo digitale è un dato di fatto, così come quella che è stata definita “rivoluzione culturale”. Essendo tanti i rischi e le problematiche che ruotano intorno al mondo del virtuale, del virale e delle nuove tecnologie, c’è bisogno di analizzare tutto nel minimo dettaglio, in modo propedeutico e pratico. I temi che verranno trattati durante il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale sono molteplici, affinché sia le vecchie generazioni sia le nuove prendano coscienza delle tante problematiche che la società di oggi vive quotidianamente. Si parlerà della famiglia, della disoccupazione, della scuola, mail perno centrale resterà Gesù Cristo e le nuove forme di evangelizzazione.   Bisognerà cogliere l’importanza di questa nuova cultura e di questi nuovi strumenti digitali, affinché possano essere utilizzati per concretizzare ciò che viene scritto nel vangelo e per far sì che “La carità possa salvare il mondo”, come ci insegna don Orione. Solo così questa nuova cultura potrà avere delle ripercussioni più che positive nei tanti ambiti della società di oggi. Per il momento è essenziale concentrarsi sull’analisi di ogni minimo aspetto, in modo tale da non tralasciar nulla.

Condividi su:

Martedì, 08 Settembre 2015

Roma - XXI Convegno Amministrativo

Tra gli appuntamenti dell’autunno che attendono le Case e le Attività italiane, quello del XXI Convegno Amministrativo che si celebrerà a Roma dall’11 al 13 novembre, è sicuramente uno dei più importanti.
“Ascoltare per comprendere, comprendere per fare” recita il titolo dell’evento che vedrà riuniti per tre giorni i Direttori, gli Economi e i Responsabili laici di struttura di tutta Italia per approfondire il tema dell’ascolto come strumento necessario per una buona gestione degli Istituti che ci sono stati affidati da don Orione.
Il programma, che alterna momenti di aggiornamento tecnico ad altri di confronto personale, prevede anche la partecipazione all’udienza generale del mercoledì con il Santo Padre e la celebrazione liturgica corale per sperimentare una completa e profonda esperienza d’ascolto.

Clicca QUI per leggere e scaricare il programma del Convegno.

Condividi su:

Giovedì, 30 Luglio 2015

Tra scienza e valori

X Convegno Nazionale sulla Qualità della Vita per le disabilità
Ultimi giorni per iscriversi ad un prezzo ridotto al decimo Convegno nazionale sulla Qualità della Vita per le disabilità, che si terrà il7 e 8 settembre presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano, organizzato dalla Fondazione Sospiro di Cremona.

Condividi su:

Venerdì, 03 Luglio 2015

21° Convegno Amministrativo

Il Convegno Amministrativo è giunto quest’anno alla XXI edizione e vuole proseguire il suo percorso di sviluppo delle questioni di fondo senza dimenticare che è importante ritornare alle nostre Case non solo con le idee più chiare, ma anche con rinnovato entusiasmo e qualche strumento di lavoro in più.

Condividi su:

Lunedì, 29 Giugno 2015

Cos'è l'uomo perché te ne curi?

Sono on line gli estratti video dell’intervento di Sua Ecc. Mons. Angelo Bagnasco, nel seminario introduttivo al IV Convegno Apostolico "Dalle parole ai fatti. Opere di carità e cambiamento organizzativo.", del 27- 29 maggio scorso.

Condividi su:

Dopo la giornata dedicata al cambiamento organizzato ed alla pianificazione strategica, guidata da Johnny Dotti, pedagogista e imprenditore sociale, oggi si è concluso il IV Convegno apostolico. I lavori di gruppo hanno approfondito le tematiche emerse ieri sulla rioganizzazione dei servizi alla persona, attraverso quattro parole chiave: abitare, alleare, riorientare e lavorare.

Condividi su:

La prima sessione dei lavori del IV convegno apostolico ha avuto due interventi densi di spunti e di provocazioni.
Il dott. Angelo Righetti ha raccontato la sua esperienza partendo dal fil "Si può fare", che narra una vicenda di cui lo stesso è stato protagonista.

Condividi su:

Mercoledì, 27 Maggio 2015

Per alimentare il fuoco della carità

Stamattina è iniziato il IV Convegno apostolico, che raduna sacerdoti ed operatori delle case di Carità. Ad aprire i lavori del convengo un seminario introduttivo dal titolo “Dove brilla l’immagine di Dio”. Il primo a salutare i presenti è stato P. Vittorio Viola, Vescovo di Tortona, che ha esortato i partecipanti a cogliere in pieno l’opportunità del convegno per riflettere e crescere nella loro attività: “Voi siete l’espressione concreta di quella carità che è nata dal cuore di un prete di Tortona, una carità apostolica che rende credibile l’annuncio del Vangelo. Riscoprite in questa occasione le sue radici, il suo momento fondale”.

Condividi su:

In attesa di ascoltare gli interventi di P. Viola, Vescovo di Tortona, e del Card. Bagnasco, Arcivescovo di Genova e Presidente della CEI, proponiamo la lettura del comunicato finale della 68ª Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana.

Condividi su:

Domenica 12 aprile 2015 si è svolto a Tortona presso il Centro “Mater Dei”, l’incontro degli operatori pastorali delle parrocchie orionine dell’area nord. Tema dell’incontro: “La Famiglia: identità e missione”. All’incontro sono intervenuti, i coniugi Colzani e don Fausto Brioni.

Condividi su:

Pagina 6 di 7

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

Giornata mondiale del Migrante e Rifugiato 2018

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3