"Confortatevi e sopportatevi a vicenda da buoni e santi fratelli."
Don Orione

Entusiasmo alle stelle, risate, racconti e tanto divertimento per gli anziani ospiti della Casa di Riposo “don Orione” di Reggio Calabria, che hanno festeggiato la Festa dei Nonni con gli operatori della casa di riposo, con parenti e amici in visita presso la struttura.

L’evento è stato aperto nella mattinata con la celebrazione dell'Eucarestia, officiata dal Direttore  dell'Opera Antoniana delle Calabrie di Reggio Calabria, don Graziano Bonfitto, il quale nell'omelia ha posto l’accento sul rapporto fecondo che ci deve essere tra anziani e giovani, fondato su una trasmissione di saperi e valori autentici. Gli anziani, ha detto don Graziano, devono essere di esempio alle nuove generazioni, che dal canto loro hanno il dovere di coltivare la memoria per avere riferimenti certi nella loro vita.

Il pomeriggio, invece, è stato dedicato tutto al divertimento con la presenza del gruppo musicale Amici della Musica, che hanno eseguito brani degli anni '50 e '60 che hanno portato il sorriso ma anche tanto divertimento agli ospiti della Casa di Riposo. Cantare e ballare con loro canzoni “senza tempo” è’ stata per per tutti una forte emozione. Non è mancato l'angolo comico, con la partecipazione anche di Dario Giachero, che li ha fatti veramente divertire moltissimo con le sue barzellette e gag.

A fine serata, don Graziano ha donato una medaglia ad ogni ospite della casa. Molto soddisfatto il responsabile di struttura Domenico Talladira che raccoglie i frutti di un impegno di rinnovamento costante dell'accoglienza agli ospiti. Quando i parenti dei nuovi arrivati  pongono la domanda “Cosa fanno durante il giorno gli ospiti in questa Casa di Riposo?”, la risposta è che è necessario cancellare l’idea, tipica dell’immaginario collettivo, che trascorrano delle ore a girarsi i pollici guardando la televisione. In realtà non hanno tempo di annoiarsi poiché all’interno della struttura vengono organizzate molteplici iniziative, attività e momenti di festa che scandiscono le loro giornate. Nel corso dell’anno si susseguono numerosi momenti di festa in occasione dei compleanni degli ospiti o di eventi significativi come il Natale, la Pasqua, la festa dedicata a San Luigi Orione e naturalmente la Festa dei Nonni, grazie alla disponibilità degli operatori, dei volontari parrocchiali e dei musicisti che allietano i pomeriggi degli ospiti.

 

Condividi su:

Lunedì, 10 Settembre 2018

Reggio Calabria - Vacanze speciali

Anche quest'anno, nel mese di luglio, si è svolto un periodo di vacanze nella  colonia estiva “ S.Antonio” a  Gornelle nelle montagne dell'Aspromonte, organizzate dal MLO di Reggio Calabria e dalla Parrocchia Santuario S.Antonio di Padova. A queste vacanze speciali hanno partecipato sedici ragazzi, con varie problematiche sociali, provenienti dalla città di Reggio Calabria, con un'età compresa tra gli 8 e i 13 anni.

I ragazzi hanno potuto svolgere numerose attività a contatto della natura nella stupenda cornice del Parco Nazionale d'Aspromonte. Vivere l’esperienza comunitaria, stare a contatto con la natura, esercitare la responsabilità sono alcuni degli obiettivi pedagogici che la colonia residenziale permette di raggiungere con il soggiorno lontano dalla famiglia. Ogni bambino è al centro della propria vacanza e ritrova il proprio posto nella micro-comunità che è la colonia. Il tema scelto per questo anno dagli educatori è stato "Amore a Dio e al Prossimo, due Fiamme, un solo Fuoco".

Tra le varie attività, quest'anno ha visto alune importanti novità: la presenza di Bruna Mangiola, responsabile diocesana per gli sbarchi dei migranti e della Caritas nonché del progetto Emergenza freddo. Bruna ha raccontato ai bambini come il suo incontro con Dio l'ha portata a mettersi al servizio degli altri, facendosi portatrice  di opere di Carità a favore dei fratelli bisognosi, istituendo una mensa  di strada, tra i migranti e i minori non accompagnati favorendo la nascita di case dove ospitarli.

Molto apprezzzata la visita alla fattoria didattica dell'amico Caratozzolo, il quale prima di far visitare la fattoria ai ragazzi, ha spiegato loro le varie fasi della giornata. Momento divertentissimo per i  bambini è stato riempire di fieno le mangiatoie dei bovini e, nella struttura adibita a caseificio, iniziare a lavorare il latto che avevano muntoprima per la produzione, prima del formaggio e poi della ricotta. Il pranzo è stato proprio a base di ricotta prodotta dai bambini e pane appena sfornato.

Un'altra giornata indimenticabile per i ragazzi è stata vissuta al Parco Avventura dove ad attenderli c'era il titolare Giuseppe Polimeni, che ha voluto ancora per questo anno ospitarli, per farli divertire con le attrazioni da Indiana Jones.

Altri ospiti sono venuti a incontrare i ragazzi: i coniugi Sottilotta Monea rappresentanti illustri dell'Associazione Amici di Jose Carlos, Franco in qualità di Presidente, Maria come consigliere. Hanno parlato ai bambini della Carità espressa e vissuta da Josè, sacerdote e vescovo Orionino che negli anni in cui è stato a Reggio ha dato tanto amore e sollievo ai poveri del quartiere Fondo Versace. In quegli anni ha  creato, insieme a don Gernaldo sacerdote Orionino allora parroco della chiesa di Santo Stefano al Fondo Versace, un gruppo di giovani che, ancora adesso  continuano l'opera di Carità insegnatagli dai due sacerdoti.

La domenica è il giorno dei saluti ma non prima di esibirsi davanti ai genitori con la recita magistralmente diretta e curata da Laura che ha ottenuto un grande successo. Subito dopo, la celebrazione Eucaristica presieduta dal parroco don Graziano, il quale ha avuto parole di elogio per il lavoro svolto e ha spronato gli educatori a continuare sulla strada della carità verso i bambini e gli ultimi così come ci ha insegnato San Luigi Orione.    

L’estate della Colonia si conclude molto positivamente con 10gg di colonia intenso e divertente, grazie all’impegno del personale educativo e di servizio presente e alle stupende proposte culturali,ludiche e sportive. Un ringraziamento particolare va a tutti gli educatori ed educatrici, Marina, Maria, Alessandra, Flavia, Laura, Luca, Domenico, alla paziente cuoca Rossella ed agli instancabiliresponsabili del progetto Tiziana e Mimmo. Un grazie anche a tutti i Benefattori che ogni anno regalano giorni di serenità e spensieratezza ai bambini. Allora, arrivederci al prossimo anno.

  

 

Condividi su:

Martedì, 19 Giugno 2018

Oratorio - Che estate sia!

Dopo un maggio piovoso ed un mese di giugno iniziato con qualche temporale in più del solito, l'estato è ufficialmente cominciata negli oratori orionini in Italia. Mancano pochi giorni alla festa di San Luigi Gonzaga, patrono della gioventù, onomastico di San Luigi Orione, che a soli vent'anni fondò un oratorio dedicato proprio a questo santo.

Da Nord a Sud, le attività  che iniziano al termine dell'anno scolastico sono ormai un appuntamento tradizionale: giochi, gite, danza, teatro, manualità e giocoleria, piscina ed escursioni, ma non solo. L'oratorio estivo è prima di tutto uno spazio educativo per vivere insieme ai coetanei un percorso formativo, alla scoperta degli altri, dell'amicizia, alla ricerca di quei valori che danno senso e sapore alla vita. La proposta dell'oratorio è dunque qualcosa in più di un semplice centro estivo divertente o economico, è, per molte famiglie, l'adesione ad un progetto educativo, è la voglia di far sperimentare ai propri figli una Chiesa gioiosa in cammino.

Tutte queste attività sono frutto dell'impegno e della passione degli educatori ed animatori, guidati dai loro sacerdoti, delle famiglie dei ragazzi che danno una mano all'organizzazione dei pasti e degli spazi: sono l'esempio di una comunità viva, attenta ai bisogni del territorio, capace di mettersi in gioco.

Allora, buona estate a tutti!

Condividi su:

Anche a Reggio Calabria si è celebrata la festa di Sant'Antonio, a cui è dedicato il Santuario parrocchia retto dai sacerdoti orionini.

Come vuole la tradizione, la festa è stata preceduta dalla Tredicina, tredici giorni di preghiera animati dai volontari e dagli operatori della casa di riposo. Anche gli anziani ospiti hanno vissuto una piccola catechesi, un momento di preghiera vissuto in modo semplice e centrato sulla vita del Santo, con la benedizione del pane e del giglio, simboli antoniani.

Nelle fasi di preparazione alla festa, c'è stata anche la benedizione dei portatori della statua del Santo e dei volontari della Protezione Civile e la vestizione dei volontari della Misericordia, oltre ai momenti musicali e di intrattenimento delle serate.

La festa ha visto il suo culmine con la celebrazione eucaristica all'aperto presieduta da Monsignor Giovanni D'Ercole, vescovo orionino di Ascoli Piceno, seguita dalla processione per le strade della parrocchia della statua del Santo e della Reliquia,accompagnata dalla Banda Musicale di Reggio Calabria. Al termine del percorso, prima di rientrare in chiesa, un momento di preghiera e di benedizione per la città.

 

 

Condividi su:

Tra celebrazioni religiose e momenti ludici e pirotecnici, la comunità Orionina Reggina ha festeggiato San Luigi Orione.
Una festa semplice, organizzata dalla comunità pastorale di Sant’Antonio di Padova di Reggio Calabria, che però ha sempre uno straordinario successo grazie ad una ricetta che comprende celebrazioni e cortei religiosi ma anche momenti conviviali con gli stand gastronomici e lo spettacolo pirotecnico. Già di buon mattino i gruppi parrocchiali sono impegnati a preparare la festa del nostro San Luigi Orione, allestendo stand, e le zone in cui si svolgerà la festa e la processione. Si parte alle ore 10 con la celebrazione Eucaristica nella casa di riposo Don Orione per rendere partecipi gli ospiti e i parenti. Subito dopo la celebrazione, si fa festa con un rinfresco a base di dolci e torte preparati dal personale della casa. La festa ludica ha inizio nel primo pomeriggio, con l'apertura alle 16 dell’area allestita all'interno della piazza del Santuario, dei giochi gonfiabili, per la gioia dei numerosi bambini accorsi per l'occasione e accolti dai giovani e giovanissimi della parrocchia.

Alle 18,30 il momento più importante della festa religiosa. Si parte con la processione seguita da molti parrocchiani e devoti che hanno accompagnato la statua raffigurante il Santo fin dentro il Santuario per poi partecipare alla funzione Solenne in memoria di San Luigi Orione. Subito dopo la funzione religiosa si dà inizio ai festeggiamenti civili, con una novità che mancava da anni, U Ballu du Sceccu (Il Ballo dell'asino) tipico del territorio reggino. La serata si accende con petardi e fuochi d'artificio, che vengono accessi all'inizio della danza: u Sceccu che viene "ballato" lentamente a suon di tarantella da una persona che si cela dentro la struttura dell'asino e durante il ballo, i fuochi di artificio illuminano la gente che assiste allo spettacolo pirotecnico. Finita l'esibizione si dà il via agli stand gastronomici per gustare i prodotti tipici locali e le torte preparate dal MLO della parrocchia. Naturalmente non sono mancate le esibizioni canore con il Karaoke animato dai i giovani del MGO parrocchiale.

Condividi su:

Ieri, domenica 13 maggio, i vigili del fuoco deposto con l'autoscala una composizione floreale a forma di cuore sulla statua di San Luigi Orione in cima alla palazzina della casa di riposo del Don Orione di Reggio Calabria. Domenica speciale, la giornata ha avuto inizio con l'arrivo dei bambini della prima comunione accompagnati dai genitori in Santuario. I bambini si sono accostati per la prima volta al sacramento dell'Eucarestia. La gioia di ricevere Gesù è troppo grande per loro, e lo si poteva leggere nei loro occhi un po' lucidi per l'emozione così come per i loro genitori.   Prima di concludere la celebrazione, il parroco Don Graziano, ha detto loro che le emozioni non sono finite, ed ha invitato tutti fuori nel cortile per una sorpresa.
Arrivati in cortile tutti aspettano di conoscere la sorpresa e mentre Don Graziano parla al microfono si sente da lontano il suono di una sirena. Ed ecco la sorpresa, l'autoscala dei vigili del fuoco entra nel cortile antistante il Santuario, posizionandosi sotto l'edificio dove si trova la statua di San Luigi Orione. È tutto pronto, il parroco consegna il cuore di fiori che da lì a poco verrà posto sulla statua dai Vigili del Fuoco, già pronti con il loro mezzo e la scala aerea.
Momento emozionante, tutti col naso in su ad ammirare il vigile che è salito sulla scala sempre più in alto per raggiungere la statua di San Luigi Orione e deporre tra le sue braccia il cuore floreale, simbolo della devozione, dell’affetto e dell’affidamento del popolo reggino.
Uno scrosciante applauso ha accompagnato questo momento molto emozionante che ha visto tutti i gruppi parrocchiali impegnati per la realizzazione del programma dei festeggiamenti in onore di San Luigi Orione che, proseguiranno fino alla giornata conclusiva del 16 maggio. Un 16 maggio che sorprenderà ancora tutti i devoti del nostro fondatore a cui la città di Reggio Calabria è molto legata e che non ha mai dimenticato l'amore e l'aiuto che Don Orione diede nel periodo del terribile terremoto del 1908 che sconvolse la città.

Condividi su:

Tutto è iniziato a luglio del 2017 al campo estivo in colonia a Gambari: ogni bambino scrive una letterina a Papa Francesco per comunicargli il suo Amore e Dedizione, così come  ha imparato dagli scritti di San Luigi Orione.

Passano i mesi e i bambini non ci speravano più che il loro Papa rispondesse. Invece il 22 dicembre mentre erano in attesa di Babbo Natale nel cortile interno dell'Opera Antoniana, arriva con un bustone in mano il parroco don Graziano Bonfitto che porge la lettera a Mimmo Torretti, uno dei responsabili dei Bambini di don Orione, dicendogli di aprirla subito e di leggerla ai bambini. Grande stupore e gioia vedendo l'intestazione del foglio all'interno, poi un'esplosione di gioia: "bambini, Papa Francesco ha letto le vostre letterine e ci invita a Roma a partecipare all'udienza del mercoledi".

La felicità dei bambini è indescrivibile tutti ad abbracciarsi e a ripetersi, visto Papa Francesco ci ha risposto, Papa Francesco ci vuole bene, Papa Francesco è Grande. Dopo l'euforia dei bambini ma anche degli educatori si parte con l'organizzazione del viaggio e soprattutto per il reperimento dei fondi, che grazie ai Benefattori, sollecitati dal coordinamento MLO di Reggio Calabria, non è stato difficile.

Arriva il giorno della partenza, fissata per il 3 aprile, e dopo un lungo viaggio si arriva a Roma e ad accogliere il gruppo ci sono i volontari della Misericordia del Lazio, mobilitati dal Governatore di Reggio Calabria Angelo Cuzzola, che con i loro mezzi cureranno gli spostamenti a Roma.

Dopo una notte passata tra sonno e attesa, nella maestosa piazza S. Pietro i bambini si ammutoliscono e con la bocca aperta guardano con meraviglia la bellezza del Cupolone e della Basilica Vaticana, osservando  e fotografando ogni minimo particolare. Mancano pochi minuti all'arrivo del Santo Padre e dai microfoni che scandiscono i nomi delle associazioni dei vari paesi, presenti in piazza, ad un certo punto si sente; “Un saluto  ai Bambini di don Orione giunti da Reggio Calabria" e lì scoppia la festa. I bambini sono incontenibili, ma ecco che spunta la Papamobile, che avanza lentamente e quando arriva davanti ai Bambini si ferma e il Santo Padre impartisce loro la Benedizione. Alessandra dona la statuina in argento raffigurante S. Antonio, il Santo a cui è intestato il nostro Santuario Parrocchia, Rebecca lancia il suo cappellino, lo raccoglie un uomo della scorta e lo posa sulla Papamobile, mentre gli altri bambini gridano ad alta voce "Viva Papa Francesco" applaudendo a più non posso.

Quasi alla fine dell'udienza, Radio Vaticana intervista Tiziana Praticò del direttivo del MLO di Reggio Calabria e corresponsabile del Progetto, che dialoga in diretta radiofonica con la giornalista sulle tematiche della catechesi odierna e sulle parole espresse da Papa Francesco nell'udienza generale. Si è parlato anche del progetto “I Bambini di don Orione” e della Calabria come terra abbandonata e a volte violenta, per questo l'impegno dei laici è ancora più profondo per la salvaguardia delle generazioni future.

Sottrarre un solo bambino alla 'Ndrangheta è già una vittoria, toglierli da ambienti diseducativi, dare loro la possibilità di studiare, di socializzare e far loro Gustare e Vivere la Carità di Dio è l'impegno giornaliero di ogni laico, in particolare del Laico Orionino.

 

 

 

Condividi su:

Don Graziano Bonfitto ha fatto l’ingresso ufficiale nella parrocchia orionina di Reggio Calabria domenica 5 novembre con la celebrazione delle 19.00 presieduta dal Vescovo Giuseppe Morosini.
Presenti molti confratelli orionini e della diocesi, tra cui Don Domenico Crucitti direttore e parroco precedente.
È stato un bel momento di famiglia e di comunità parrocchiale.
Il Vescovo nell’omelia ha dato diversi spunti per i presenti con delle parole chiave: prendersi cura, accompagnare, continuità.
La serata è trascorsa con un momento di agape fraterna con le persone più vicine a Don Graziano, un bel gruppo di giovani della parrocchia di Ognissanti con il parroco Don Francesco Mazzittelli ed una rappresentanza di persone dal suo paese natale.

Condividi su:

La Parrocchia di Sant'Antonio di Padova di Reggio Calabria venerdì 20 ottobre ha accolto il Sindaco della città Avvocato Giuseppe Falcomatà.
Molti anni orsono, Italo Falcomatà, il Sindaco della Primavera di Reggio, padre di Giuseppe attuale Sindaco della città metropolitana, visitava il Santuario e gli orfanelli dell'Opera Antoniana. Questi momenti li ha raccontati con un po' di commozione Giuseppe Falcomatà, ricordando che il padre nei momenti particolari si confrontava e confortava proprio con i religiosi Orionini di Sant’Antonio.

Con gioia il Sindaco ha accettato l'invito a partecipare ad un incontro/confronto nell'auditorium parrocchiale “Don Orione” con i parrocchiani, in una assemblea pubblica,  incontro voluto e organizzato dalla comunità parrocchiale con il supporto del consigliere comunale Antonino Mileto, che in apertura ha voluto ricordare la dott.ssa Giovanna Ferrara, deceduta poche ore prima.
Subito dopo ha preso la parola il parroco, il quale nel suo saluto ha ricordato che la Comunità Orionina è presente a Reggio Calabria dal 9 gennaio del 1909 quando san Luigi Orione vi giunse per dare soccorso alla città colpita dal sisma del 28 dicembre 1908. Da quel momento questo legame si è consolidato negli anni con tante opere di carità rivolte a sollevare le fragilità della Città, trovando sempre affetto e sostegno nel popolo reggino. Inoltre, nel suo saluto iniziale, il Parroco ha sottolineato come siano importanti trovare soluzioni e intuizioni per essere sempre più vicini alle parti più deboli della città: anziani, famiglie e giovani e ha invitato il Sindaco a cercare alleanze tra le istituzioni per rispondere in maniera unita ai bisogni dei cittadini.

Condividi su:

Il 29 luglio si è conclusa la Colonia per i Bambini di Don Orione a Reggio Calabria: per il terzo anno consecutivo, grazie alla generosità dei benefattori, che hanno sposato a pieno il Progetto “ I Bambini di Don Orione” del MLO di Reggio Calabria, 19 bambini dagli 8 ai 13 anni, che vivono in condizioni disagiate, hanno trascorso un’estate diversa, ricca di grandi emozioni e divertimenti. Tiziana Praticò, una delle responsabili del Progetto, spiega il tema scelto per il campo 2017, “La Carità è un “Viaggio”  verso il Fratello”: un viaggio a tappe, che ha portato i Bambini a conoscere i vari aspetti della vita, dalla Bibbia, alla Carità di don Orione, alla legalità, al soccorso,  agli anziani,alla storia della propria terra natia e soprattutto la bellezza della parola di Dio.
Prima tappa di questo viaggio è l’incontro con i signori e le signore residenti nella casa di riposo Don Orione, giunti  da Reggio, accompagnati dalle assistenti e dal responsabile di struttura Domenico Talladira. Accolti calorosamente dai bambini,  gli ospiti si sono sentiti subito dei nonni e  hanno raccontato la propria storia e insegnato i giochi che praticavano da ragazzini.
Altra tappa importate del viaggio è stato l’incontro con un Testimone di Giustizia,  Franco Gaetano Caminiti, il quale ha raccontato la sua esperienza di lotta alla ‘ndrangheta e soprattutto ha parlato ai bambini di legalità. Un dialogo fluido grazie anche alla semplicità di Franco, che con molta energia ha raccomandato loro di essere sempre  onesti e di non farsi “ammaliare e tentare” dalla ‘Ndragheta:  “non accettate mai, ricordate se lo  farete, sarete persone senza futuro e schiavi di questo potere malvagio. La Fede in Dio, continua Franco, mi ha dato la forza di andare avanti. É un miracolo se sono uscito illeso da un agguato perpetrato a colpi di pistola da un malavitoso, così come dal’incendio del mio negozio. Ma vi  ripeto, Dio non mi ha abbandonato. Io non ho paura, oggi sono qui con voi e senza scorta, anzi ce l’ho, è mia moglie che non mi lascia mai”.
Il viaggio per i bambini è continuato con un’altra tappa importante, l’amore verso l’altro: al mattina presto della domenica sentono il suono assordante di una  sirena provenire dal cancello di entrata della colonia. Un po’ impauriti e un po’ incuriositi si affacciano dalle finestre delle loro stanze, non sanno che quella ambulanza è per loro e che loro saranno i protagonisti del soccorso. Tutti giù in cortile ad accogliere Lilla e Leo, due Soccorritori specializzati della Confraternita  Misericordie di Reggio: saranno loro ad insegnare ai ragazzi i metodi di soccorso e le procedure da compiere in caso di infortunio a loro o ad altri.
Si parte poi per Bova (Vùa in lingua Greca) un paesino dell’entroterra Reggino  che secondo la leggenda fu fondato da una Regina greca , che sbarcata lungo la costa, sarebbe risalita verso l’interno e fissando la sua residenza sulla cime del colle Bova, presumibilmente entro le rocche dell’antico castello. Qui infatti ancora oggi, oltre al dialetto Reggino e all’italiano si parla e si scrive in Greco.
Ma naturalmente  tutti i viaggi hanno una fine e questo è terminato sabato 29 luglio. Il programma finale è ricco di avvenimenti, si inizia con la recita, preparata durante la permanenza in colonia ,e presentata nel pomeriggio alla presenza dei genitori e dei benefattori. Come ogni nostro campo, anche questo ha un momento solenne, la Celebrazione Eucaristica, che per questo anno è stata officiata da don Primo Coletta arrivato da Velletri. Dopo la festa, non resta che scambiarsi con affetto un arrivederci al 2018!

Condividi su:

Pagina 1 di 5