"La carità è la divisa dei discepoli di Cristo e della Chiesa."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /home/donorioneitalia.it/donorioneitalia.it/images/archivio/immagini/Marghera/Ingresso nuovo parroco
×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/archivio/immagini/Marghera/Ingresso nuovo parroco
Sabato, 30 Dicembre 2017

Genova - Natale in Basilica

Tantissime le persone che anche quest'anno a Genova hanno festeggiato il Natale con il tradizionale pranzo organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio nella Basilica di San Lorenzo.

Tra questi anche 28 ospiti del Villaggio della Carità di Camaldoli, legati alla Comunità da una amicizia che dura ormai da molti anni. Anche i nostri ospiti hanno trovato il loro posto nella Basilica dell'Annunziata dove hanno fatto festa insieme a stranieri, anziani, famiglie, disabili.

Prima del pranzo, ottimo come sempre, i saluti del Cardinale Angelo Bagnasco e del Sindaco di Genova Marco Bucci. Al termine l'arrivo di Babbo Natale con i regali pensati per ognuno dei partecipanti.

Una giornata dove amicizia e gratuità hanno trovato la loro giusta collocazione, nel Presepe realizzato all'interno della Basilica, accanto a quel Bambino che per noi è nato, che non ha trovato posto negli alberghi.

Condividi su:

Ancora una volta i residenti del Seminario della Vita hanno accolto i loro amici e volontari per vivere insieme un bel momento di festa, nella gioia e nel rispetto delle tradizioni, delle culture, delle religioni di tutti.

L’appuntamento all’Istituto Soranzo di Campocroce era per le ore 16: Babbo Natale aveva promesso che avrebbe fatto visita ai bambini ma anche alle famiglie che risiedono nel Seminario della Vita.
E Babbo Natale è stato puntuale e non è giunto a mani vuote anzi.
Tanti regali, tutti personalizzati per ogni bimbo, per le famiglie e tante coccole a quei bimbi che guardavano incuriositi quel gran barbone bianco vestito di rosso.

La festa è continuata tutto il pomeriggio-sera con l’arrivo di tanti amici e volontari,accolti dalla responsabile Katya Landi e dall’economo provinciale Don Walter Groppello che ha dato il benvenuto e benedetto tutti ringraziando chi è sempre presente e spesso provvidenziale per il buon andamento della “vita di famiglia” del Seminario della Vita.

C’è chi settimanalmente aiuta i bambini nei compiti, chi si occupa della manutenzione ordinaria della Casa, chi non manca mai per un momenti di festa e di animazione, chi risponde “eccomi” alla richiesta di aiuto e di sostegno, chi si diletta nella bella e attrezzata cucina a preparare le pietanze che anche sabato sera hanno riempito le tavole.

Ma prima di concludere il pranzo, una meravigliosa sorpresa!
Quei bambini che prima era stati visitati da Babbo Natale e da lui avevano ricevuto gli attesi doni, sono diventati loro stesso dei piccoli Babbo Natale ed hanno cominciato a distribuire doni a tutti i presenti, don Walter compreso. E’ stato un momento davvero bellissimo e commovente guardare la loro gioia (quasi più grande di quando avevano ricevuto i doni) mentre donavano quel pacco, quel presente, i loro sorrisi, i loro grazie, i loro abbracci agli amici ed ai volontari.

Condividi su:

La Conferenza Unificata ha approvato giovedì 14 dicembre le Linee di indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per minorenni su tutto il territorio nazionale.

Queste Linee di indirizzo, pur non cogenti danno indicazioni ad ampio raggio e riguardano da vicino l’operato quotidiano delle strutture per minori come sono alcuni degli enti associati da Uneba.

Le 88 pagine delle Linee infatti trattano, tra i vari argomenti:

• come devono avvenire percorsi di accoglienza residenziale, come deve  strutturarsi l’accompagnamento lungo il percorso, quando il percorso deve terminare
• progetto quadro progetto educativo individualizzato
• procedure di autorizzazione e accreditamento degli enti
• classificazione delle strutture
• compartecipazione alla spesa

Leggi e scarica QUI il documento integrale.

Condividi su:

Negli ultimi anni il tema della migrazione ha assunto carattere sempre più globale ed è diventato uno dei nodi cruciali per l’agenda politica e l’opinione pubblica. Basta ricordare, ad esempio, il dibattito nel Regno Unito per l’uscita dall’Ue, la cui campagna elettorale è stata caratterizzata dalla polemica sui lavoratori immigrati (principalmente comunitari: italiani, polacchi, ecc.); o ancora il tema del muro tra USA e Messico che ha contribuito in maniera determinante all’elezione di Donald Trump.
I flussi migratori a cui assistiamo in questi anni hanno una portata tale da far pensare ad un cambiamento strutturale e non transitorio. Si tratta di movimenti tali per cui la distinzione tra migrazioni economiche (volontarie) e umanitarie (forzate) non sembra più sufficiente: tra i fattori di spinta si intersecano variabili economiche, politiche, sociali, ambientali e culturali. Inoltre diventa sempre più difficile distinguere la geografia delle migrazioni, non più caratterizzate da un percorso lineare (da Sud a Nord) ma molto più frammentate. La maggior parte dei flussi interessa paesi vicini (Sud – Sud), per poi consentire la migrazione verso Nord e numerosi altri spostamenti interni citiamo, ad esempio, il caso delle emigrazioni di cittadini stranieri (o naturalizzati) dall’Italia verso altri paesi Ue. Il contesto attuale rende la migrazione, dunque, un tema globale, che coinvolge numerosi attori istituzionali: i Governi dei paesi di origine e di arrivo, le organizzazioni internazionali, le istituzioni economiche. Il settimo Rapporto annuale della Fondazione Leone Moressa si concentra proprio sull’analisi delle dinamiche internazionali legate alla migrazione. Pur mantenendo una forte attenzione al contributo economico dell’immigrazione in Italia, si è cercato in questa edizione di ampliare la visuale, presentando alcuni confronti internazionali e casi studio specifici.
Clicca QUI per leggere e scaricare la settima edizione del Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione.

Condividi su:

In tutto 3.231 Comuni italiani, il 40% del totale, accolgono richiedenti asilo sul proprio territorio. I posti per i beneficiari degli Sprar sono aumentati di 5 mila unità a luglio e altrettanti sono in fase di valutazione. Gli accordi tra Anci e Viminale per l’accoglienza diffusa dei migranti hanno portato a un cambio di prospettiva anche nell’accoglienza gestita dal governo nei territori: più Comuni coinvolti, meno concentrazioni in pochi comuni, una distribuzione più equa e controllata e strutture sempre meno ‘impattanti’, per favorire l’integrazione. Inizia così a concretizzarsi la richiesta dell'Anci di tenere insieme una duplice esigenza: superare la logica dell'emergenza, visto che le migrazioni sono un fenomeno globale stabile e strutturale; realizzare gradualmente un sistema di accoglienza regolare ed ordinato, salvaguardando il bisogno delle comunità - manifestato dai sindaci - di garantire controllo e integrazione sostenibile.

Leggi QUI il comunicato stampa integrale.

Condividi su:

La scorsa settimana, durante i lavori di un cantiere stradale è stata rotta una tubatura delle acque bianche con conseguente fuoriuscita copiosa di acqua. Sul posto per valutare gli allagamenti e intervenire sulla perdita erano al lavoro vigili urbani e tecnici.

In quel momento, proprio a Genova, si stava svolgendo il segretariato zonale delle opere di carità, un incontro periodico tra i responsabili delle opere di carità orionine. Argomento del giorno l’importanza di avere un piano strategico, di scrivere e documentare il Bilancio apostolico delle proprie realtà.  Se non si hanno le idee chiare sul futuro, molte attività anche buone e caritative rischiano di perdersi. Proprio per questo il Boschetto di Genova in questa fase deve ridurre i suoi ospiti per potersi  ristrutturare e  poter offrire un servizio migliore.

Non sempre la Provvidenza adotta i nostri schemi e metodi. Durante il tragitto in auto per rientrare a Milano, il responsabile del Boschetto riceve una telefonata: quasi in lacrime, un'assistente sociale del Comune di Genova dice che la famiglia H. ha la casa completamente allagata, i genitori sono allo stremo delle forze per aver sfondato la porta per poter salvare tre figlie che giocavano all'interno. L’acqua era già arrivata alla gola della più piccola.

Due telefonate, un’ inversione di marcia un po’ azzardata ed ecco tre bambine avvolte in una coperta in uno scenario di alluvione. La mamma che piange e le stringe a sè mentre il papà  cerca di recuperare qualcosa tra il fango. Ora sono al Boschetto, stanza 208.


Anche questo è il Boschetto: la libertà di saper leggere le parole di Don Orione nella quotidianità, avendo ben chiaro un progetto strategico, per poter evidenziare un bilancio apostolico in stretto contatto con il territorio, la politica, i più bisognosi.


 

Condividi su:

Oggi si celebra la prima Giornata mondiale dei poveri, istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo. Mentre in piazza San Pietro, insieme al Papa i protagonisti saranno gli ultimi, gli scartati, i desamparados, come scriveva Don Orione dall'America Latina, a Tortona cinque giovani saranno ordinati diaconi, per dire il loro sì a Cristo nella famiglia di Don Orione, per servire gli uomini e le donne esclusi dalla società.

Questi cinque giovani rappresentano il mondo intero, quel mondo sotto il manto azzurro della Madonna sognato da Don Orione: accompagniamo con la preghiera Andrews Arul Dhas (India), Da Silva Josimar Felipe (Brasile), Rodrigues Andreson Cristian (Brasile), Metuor Dabire Pogbeweleyebr Arsene (Burkina Faso), Mosak Piotr (Polonia).

Condividi su:

Mercoledì, 15 Novembre 2017

ARIS lettera aperta ai parlamentari

Pubblichiamo la lettera aperta dell’ARIS (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari) scritta dal Presidente Nazionale P. Virginio Bebber ai Parlamentari.

Onorevoli signori Parlamentari
Ci rivolgiamo a voi, nostri rappresentanti istituzionali, a nome delle nostre centinaia di migliaia di persone malate che annualmente vengono a cercare cura e assistenza nelle nostre oltre 230 strutture sociosanitarie (Istituti Scientifici, Ospedali, Case di Cura, Centri di Riabilitazione, Residenze per Anziani gestiti da enti religiosi aderenti all’ARIS) e che sperimentano drammaticamente sulla loro pelle, cosa significa definanziare la sanità, pubblica o convenzionata che sia, come ormai da troppo tempo si sta facendo, quasi come prassi per il risanamento economico. Da operatori sanitari di lungo corso sappiamo bene cosa ha provocato tutto questo. Ma in questo momento responsabilmente cerchiamo di andare avanti e prendiamo atto della criticità della situazione del Paese. A voi chiediamo però di assumervi pienamente quelle responsabilità che noi, in quanto elettori, vi abbiamo affidato, e dunque di cercare vie alternative per reperire i fondi necessari almeno al minimo della sostenibilità. E dunque di non ignorare frettolosamente proposte, che nascono per la verità nel seno stesso delle Istituzioni, in grado di soddisfare qualche necessità. Anche a discapito di potentati che sembrano intoccabili, ma che poi in fin dei conti potrebbero esserlo molto meno.
È per questi motivi che l’ARIS intende manifestare la sua piena adesione all’iniziativa assunta dalla Presidente della Commissione Igiene e Sanità, Emilia Grazia De Biasi, sottoscritta all’unanimità dalla intera Commissione Sanità del Senato, nel presentare un emendamento alla Legge di bilancio in discussione in questi giorni, che propone di aumentare la tassazione sulle sigarette per una cifra complessiva pari a 600 milioni di euro da destinare ai farmaci anticancro innovativi e alle cure palliative, permettendo tra l’altro di adeguare il fabbisogno standard della sanità pubblica per il 2018 all’erogazione dei Lea ed alla incidenza dei costi contrattuali. Ricordiamo che la Lorenzin ci aveva provato già con Renzi ad aumentare le tasse sulle sigarette per pagare le cure oncologiche, ma l'ex premier si disse contrario perché “misura impopolare”. L’idea era stata rilanciata nell’aprile di quest’anno in occasione della cosiddetta “manovrina”. Ma anche quella volta cadde nel nulla: la Ministra, nel proporre questa “tassa di scopo”, ha solo ottenuto un inspiegabile ostracismo da parte del Governo. È chiaro che tutti i dati disponibili sul tema dicono che le ragioni delle multinazionali del tabacco prevalgono sugli interessi che riguardano la tutela della salute e i corretti stili di vita, in particolare per la fascia di età giovanile. Infatti nonostante l'incremento dei profitti delle multinazionali del tabacco a fronte anche della riduzione del numero dei fumatori, le critiche di parte all'introduzione della tassa di scopo pare trovino nel Governo più ascolto dell'allarme sulla tenuta del SSN. Infatti si contrappongono ripercussioni negative sul comparto produttivo pari a circa 50 milioni, tralasciando di dire che quest'ultimo è una parte marginale dell'intero settore in mano alle multinazionali (appena 200 milioni su circa 20 miliardi di fatturato), a fronte di una stima dei danni sulla salute e sulla produttività pari a 7,5 miliardi.
La tassa di scopo, è vero, purtroppo, non potrà ridurre in modo significativo il consumo di tabacco, ma certamente, se approvata, avrà il merito di garantire un introito da destinare al SSN, stimato in circa 700 milioni, per sostenere la spesa per farmaci innovativi oncologici. Anche in considerazione del fatto che per il 2018 il Fondo sanitario nazionale subirà una riduzione rispetto all'atteso di circa 604 milioni per far fronte al contributo dovuto dalle regioni a statuto speciale. Dunque ben vengano iniziative parlamentari come quella proposta dalla Presidente della Commissione Igiene e Sanità, Emilia Grazia De Biasi. Noi ci auguriamo che non resti voce inascoltata. Perché è anche la nostra voce.

QUI la lettera disponibile al download.

 

Condividi su:

Domenica 12 novembre con il rito di ingresso del nuovo parroco Don Giuseppe Volponi e alla presenza di Sua Ecc.za Francesco Moraglia, la famiglia orionina ha allargato le tende a Marghera avendo ricevuto incarico dal Patriarca di Venezia della cura pastorale della Parrocchia di Gesù Lavoratore.
Si apre così in modo ufficiale una nuova pagina della vita e della storia di queste comunità chiamate a collaborare e condividere le sfide pastorali del nostro tempo. Come ben ha ricordato il nostro Provinciale Don Aurelio Fusi, presente alla celebrazione con Don Walter Groppello, con la nascita di questa collaborazione pastorale parrocchiale il carisma del nostro santo Fondatore di amore alla Chiesa e al Papa si completa mediante la presenza in una realtà tipicamente orionina di povertà e di periferia esistenziale. Lo stesso Patriarca Francesco ha sottolineato nel suo intervento la socialità e lo stile di San Luigi Orione, amante della Chiesa e del popolo. La parrocchia di Gesù Lavoratore è confinante con quella di San Pio X e si estende nella zona sud di Marghera. Una parrocchia da un forte passato di lotte sociali e caratterizzato dalla presenza di operai e lavoratori dell’area del porto di Marghera. Oggi vede una presenza significativa di extracomunitari e di non cristiani. La comunità locale vanta di un forte attaccamento alla tradizione cristiana nonostante le molteplici sacche di povertà e di degrado sociale. Uno stimolo in più come ha ricordato il neo Parroco, prendendo spunto dall’odierna Liturgia della Parola, ad uscire e andare incontro allo Sposo che viene e che rende l’oggi un tempo favorevole per portare Cristo al popolo attraverso una nuova azione di evangelizzazione. Questo giorno vede l’ingresso ufficiale anche di una comunità di tre suore indiane della Congregazione di San Giuseppe e di san Marco. Una presenza fortemente voluta dal Patriarca e che sarà significativa e preziosa per le parrocchie e per il Vicariato di Marghera. Saranno infatti inserite gradualmente nel servizio pastorale delle due parrocchie e nella mensa-dormitorio Papa Francesco presente nel territorio della parrocchia di San Pio X.

{gallery}archivio/immagini/Marghera/Ingresso nuovo parroco{/gallery}

Condividi su:

Venerdì 3 novembre, alla presenza dell’Economo Provinciale don Walter Groppello, sono stati inaugurati i nuovi appartamenti che trasformano ulteriormente l’ex Seminario di Campocroce di Mirano (VE) con la possibilità di accoglienza e sollievo a nuove famiglie.

Un emozionato John aspettava nel piazzale di Villa Soranzo di Campocroce di Mirano gli invitati alla festa. Venerdì è stato un giorno speciale non solo per la comunità del Seminario della Vita, ma anche per lui e la sua famiglia, la moglie Tessy ed i loro figli Nelly e Kevin. Sono loro la prima famiglia accolta nel Seminario nel novembre del 2008; da qualche anno l’Opera gli ha affidato il ruolo di custodi.
John e i suoi familiari erano emozionati perché stavano per entrare nella loro nuova casa. Oltre agli appartamenti destinati ad accogliere persone che necessitano di un sotegngo abitativo temporaneo, John e la sua famiglia hanno ora un appartamento nuovo tutto per loro.
Don Walter ha presieduto la Messa accompagnato da don Luca, don Luciano, don Bruno in rappresentanza delle Comunità delle altre Case orionine del Veneto, e da don Ruggero, parroco di Campocroce.La Messa è stata una vera festa di famiglia: oltre ai sacerdoti erano presenti anche gli incaricati d’Opera di Venezia, di Trebaseleghe e di Chirignago, i fornitori  e i tecnici che hanno svolto i lavori di ristrutturazione. Festa di famiglia anche perchè, come si fa in famiglia, anche in quella orionina, si è soliti aiutarsi per far sì che tutti possano stare bene. La ristrutturazione di questi nuovi appartamenti, infatti, è stata possibile poiché il Centro Culturale Don Orione Artigianelli di Venenzia ha sostenuto le spese a favore del Seminario della Vita.

Durante l’offertorio sono stati ricordati, uno per uno pronunciandone il nome, tutti coloro che dal novembre 2008 hanno trovato ospitalità, per tanto o anche poco tempo, nel Seminario della Vita: un lungo elenco non solo di nomi, m di storie, di volti, di persone che sono parte di questa famiglia.

Infine, il taglio del nastro con la benedizione dei vari ambienti ed il successivo momento conviviale con tante leccornie preparate dagli amici di Marghera, i bambini correvano incontro agli amici volontari di Camposampiero che, dopo la bellissima esperienza estiva, tornavano a trovarli e ad ammirare la loro nuova casa e le loro belle camerette colorate di verde e di azzurro.

 

Condividi su:

Pagina 3 di 15

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3