"Stacchiamo il nostro cuore dai beni di questa misera terra, perché quaggiù ogni cosa è vanità, tutto è disinganno!"
Don Orione

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Lunedì 12 febbraio nello spensierato quanto festoso clima proprio del tempo di carnevale, seppure con qualche ora di ritardo rispetto alla data posta dalla tradizione nel giorno 11 di febbraio, anniversario delle apparizioni di Lourdes, anche gli anziani ospiti del Centro medico sociale “Don Orione” di Savignano Irpino, hanno avuto modo di vivere la loro giornata del malato.


Entrati nella festa fin dalla tarda mattinata grazie alla disponibilità di alcune volontarie e parrucchiere che hanno provveduto a “fare la testa” alle signore accolte in struttura per successivamente condividere con loro le tradizionali chicchere di carnevale anche nel bel clima festoso di un compleanno decisamente avanzato per l’età dell’interessato, nel primo pomeriggio Don Nello Tombacco, direttore delle case orionine di Napoli ed Ercolano, ha celebrato una Santa Messa nella quale è stato amministrato l’olio santo a chi lo desiderava.

Ben partecipata e animata da qualche canto sul tradizionale, è risultata un apprezzato momento di fede che ha aiutato tutti a comprendere quanto anche insegnato da Papa Francesco: “Il tempo passato accanto al malato è un tempo Santo.” È lode a Dio che ci conforma all’immagine del suo Figlio il quale “non è venuto per farsi servire ma per servire”.

Condividi su:

Martedì, 13 Febbraio 2018

Sanremo - Il privilegio di invecchiare

Sanremo non è solo festival.

Martedì 6 febbraio è stata inaugurata al Piccolo Cottolengo Don Orione di Sanremo la mostra “Il privilegio di invecchiare” organizzata dall’Associazione Artesenzaconfini, una mostra dedicata alla terza età.

Prendendo spunto da una delle frasi celebri del filosofo e poeta svizzero Henri-Frederic Amiel che dice “saper invecchiare è il capitolo della sapienza, uno dei più difficili capitoli della grande arte di vivere”. L’esposizione dall’emblematico titolo “Il privilegio di invecchiare” ospita opere pittoriche, scultoree, fotografiche e materiale di numerosi artisti contemporanei.
Inaugurata martedì sera dal Vicesindaco Costanza Pireri e dal Direttore del Don Orione Don Gianni Castignoli la mostra ha visto la presenza di numerose persone, tra ospiti e organizzatori. L’esposizione è stata voluta da Chiara Maffei, ideatrice, organizzatrice e consulente pedagogica, Edy Santamaria, presidente dell’Associazione Artesenzaconfini e Giuseppe Bellantonio referente per la promozione dell’evento. La presentazione è stata accompagnata dalle note della chitarra  del maestro Alberto Viganò e dalla lettura di poesie di Renato Barletti.
“Ho deciso di organizzare questa mostra - ha spiegato la dottoressa Maffei – anche per i miei genitori che sono mancati qualche tempo fa e non hanno avuto il privilegio di invecchiare. Dedicarmi ai tanti anziani che sono qui è una sorta di terapia per me”
“Dobbiamo fare in modo che i giovani sempre più entrino a far parte del mondo degli anziani - ha detto il vicesindaco Pireri – per questo motivo l’amministrazione comunale sta studiando con il Don Orione un progetto che veda coinvolti tutti. Dobbiamo fare in modo che le meravigliose storie degli anziani vengano tramandate ai giovani e che non vadano perse. Dobbiamo investire su questo salto  generazionale. Gli anziani sono la nostra forza e le nostre radici. Per questo motivo questa mostra è davvero molto importante.”
La mostra ha suscitato anche l’interesse di Rai Social che, presente all’inaugurazione, la mostrerà a migliaia di telespettatori.

Condividi su:

Nel 1992 papa Giovanni Paolo II istituì la Giornata Mondiale del malato, come momento forte di preghiera e condivisione per riconoscere nel sofferente il Volto di Gesù. Scelse l'11 febbraio, giorno in cui si ricorda la prima apparizione della Madonna a Lourdes, meta di pellegrinaggio e di speranza per molti malati, luogo ove affidare a Maria il proprio dolore e cercare la pace interiore.

Il messaggio di Papa Francesco per la ventiseiesima Giornata del Malato richiama le parole di Gesù sulla croce,con cui affida sua madre a Giovanni e Giovanni alla madre.

Il Papa richiama la comunità cristiana al servizio ed alla cura dei malati, una lunga tradizione che caratterizza la storia della Chiesa e di cui fa parte anche l'opera fondata da Don Orione.

Dice Francesco che oggi è importante "preservare gli ospedali cattolici dal rischio dell’aziendalismo, che in tutto il mondo cerca di far entrare la cura della salute nell’ambito del mercato, finendo per scartare i poveri. L’intelligenza organizzativa e la carità esigono piuttosto che la persona del malato venga rispettata nella sua dignità e mantenuta sempre al centro del processo di cura."

Una strada, questa, che con fatica e impegno, si cerca ogni giorno di seguire nelle Case orionine, con il progetto Qualità di Vita ed i suoi strumenti, ispirati dalle parole di Don Orione "nel più misero degli uomini brilla l'immagine di Dio".

Per leggere il messaggio di Papa Francesco clicca QUI

Condividi su:

Lunedì, 05 Febbraio 2018

Seregno - Compleanni di gennaio

Grazie al grande amico Franco Ballabio, musica, canti e balli hanno animato un bel pomeriggio di festa al PCDO di Seregno. Ma i veri protagonisti di questo pomeriggio, sono stati i festeggiati del mese: Giuseppe, Emilio, Agnese, Ernesta e Dora.

Condividi su:

Santa Maria la Longa (Ud), 26 gennaio - Un convegno per individuare un percorso efficace e dare risposte concrete alle esigenze specifiche delle disabilità, in una società che sta cambiando, e consentire alla Regione di mantenere l'attenzione che ha sempre prestato per questo ambito della salute e dell'assistenza, si è svolto a Santa Maria la Longa, al Piccolo Cottolengo Friulano di Don Orione.

Aveva infatti per tema 'Disabilità grave, qualità di vita e salute: quale modello organizzativo', era rivolto agli operatori sanitari, e ha consentito di raccogliere suggerimenti, proposte, di ascoltare problematiche, orientate ad assicurare assistenza in particolare alle persone che, accanto alla disabilità, presentano anche significative problematiche di salute.

Presente l'assessore regionale alla Salute, è stata ribadita l'importanza della struttura assistenziale di Santa Maria la Longa, tra l'altro considerata di eccellenza per la qualità dei servizi e dei metodi che la caratterizzano.

La Regione investe da sempre nel welfare e nella disabilità notevoli risorse.

In un sistema integrato che si fonda su una legge di vent'anni fa, ma va sempre di più verso l'integrazione e l'inclusione e si sta orientando verso un'offerta per il bisogno di salute e di assistenza sempre più mirata ai diversi bisogni della disabilità e della persona.

La disabilità ha infatti diversi livelli di esigenze, e la valutazione è il primo passo per comprendere il livello di bisogno ed il Piccolo Cottolengo Friulano Don Orione si può candidare per dare risposta a una tipologia specifica della disabilità.

Oggi, anche le persone disabili invecchiano di più, essendosi prolungata l'aspettativa di vita, e occorre adeguare le risposte al bisogno di salute che è in cambiamento.

L'evento è stato organizzato da Endo-fap nazionale segreteria organizzativa in collaborazione con Endofap Liguria provider ECM.

Condividi su:

Venerdì, 26 Gennaio 2018

Bergamo - I clown in corsia

Sabato 20 gennaio 2018 l’Associazione Dutur Claun di Bergamo ha effettuato il suo primo servizio presso la nostra struttura orionina di Bergamo.
Questa associazione nata nel 2002 è composta da volontari e ha l’unico scopo di aiutare il prossimo attraverso la cosiddetta “clownterapia” perché il sorriso molte volte vale più di ogni altra cosa. Non ci si improvvisa però clown di corsia, è necessaria una formazione specifica e costante.
Quindi cinque preparatissimi e simpaticissimi clown hanno visitato e intrattenuto gli ospiti lasciandogli come ricordo fiori e animaletti realizzati con i palloncini gonfiabili.
Un grande ringraziamento va a Ciccia Pasticcia, La bella vi, Consu, Uffa che barba e Ghirigori con l’augurio di riaverli al più presto nelle corsie del Centro Don Orione di Bergamo.

Condividi su:

Sabato 13 gennaio al Centro Don Orione di Bergamo è stata ospitata una commedia, gli ospiti del centro amanti del teatro sono stati contentissimi.
La Compagnia “Gilda delle arti” ha portato in scena una rivisitazione di “Arlecchino servitore di due padroni” di Carlo Goldoni.
La compagnia, nata alcuni anni fa, è composta da giovani e bravi attori che hanno saputo catturare fin dal primo atto l’attenzione degli ospiti, con divertenti siparietti.
Al termine dello spettacolo gli ospiti hanno calorosamente ringraziato tutti i protagonisti congratulandosi in particolare con il giovanissimo Arlecchino che ha recitato in bergamasco, essendo una maschera della città.

 

Condividi su:

Anche quest'anno la Bombardino’s Guitar Band è tornata per un pomeriggio di musica e ballo al Piccolo Cottolengo Don Orione di Seregno. Sono un gruppo di amici, impegnati nel sociale e amanti della mjsica, che hanno costituito un'associazione non profit che fa della musica lo strumento per portare un po' di gioia nelle strutture per anziani e disabili.

Questa è la loro missione: non suonare in teatri o piazze, ma nelle case di riposo, nelle case famiglia, in tutti quei luoghi dove ci sono persone che hanno bisogno di un sorriso e di battere il piede a ritmo di musica, per riscoprirsi vivi e insieme agli altri, quando la malattia o la disabilità ti fanno sentire, invece, solo e sbagliato.

Quindi via con un repertorio coinvolgente ed emozionante e a cui tutti, oltre alla banda, hanno contribuito: chi cantando, chi battendo le mani, chi addirittura lanciandosi nella danza.

 

Condividi su:

Come è tradizione, ogni anno, in occasione delle festività natalizie per ospiti del Centro Don Orione di Bergamo, si è esibito il Coro del Ducato Di Piazza Pontida, che prende il nome dall’omonima Associazione culturale che ha sede in questa storica piazza di Bergamo.
Il Centro Don Orione ha la fortuna di avere tra i volontari alcuni membri di questo gruppo, che tengono in modo particolare a esibirsi per le persone che hanno conosciuto in questi anni.
Venerdì 5 gennaio, il Coro ha portato il suo repertorio di canzoni della tradizione popolare che hanno risvegliato i cuori e i ricordi della loro giovinezza negli Ospiti.
Il concerto si è concluso nel migliore dei modi: pane e salame per tutti!

Condividi su:

Venerdì, 19 Gennaio 2018

Seregno - Spettacolo di zumba

Pomeriggio movimentato al PCDO di Seregno quello di domenica 14 gennaio!
Sulle note di salsa, merengue e reggaeton, la mitica Michy insieme al suo gruppo di zumba, ha regalato un bellissimo pomeriggio di divertimento ed energia.
Gli ospiti vi aspettano alla prossima!!!

Condividi su:

Pagina 7 di 21

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3