"Tutti abbiamo i nostri difetti ei nostri peccati."
Don Orione Sopportiamoci!

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Un altro divertente pomeriggio per gli ospiti del Piccolo Cottolengo di Seregno in compagnia degli amici del coro "Tutti insieme appassionatamente"!

Come sempre, oltre che a cantare i canti tradizionali, hanno intrattenuto gli ospiti con simpatiche coreografie.

Special guest del pomeriggio, Vittorio, ospite della Casa che ha fatto conoscere a tutti il suo talento per la musica.

Alla prossima esibizione!

 

 

Condividi su:

Dopo un lungo iter parlamentare il 14 dicembre 2017 è stato approvato il provvedimento legislativo 219/2017 2017 Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento (DAT). La normativa, meglio nota come Legge sul Fine Vita, è il prodotto di più di 20 proposte di depositate dai due rami del Parlamento negli ultimi 5 anni, ma i cui albori risalgono al 2003, grazie al lavoro del Comitato Tecnico di bioetica.

Dell’argomento tratta Don Carlo Casalone, Collaboratore nella Sezione scientifica della Pontificia Accademia per la Vita. Nell’articolo “Abitare responsabilmente il tempo delle DAT”, Don Casalone pone l’accento sulla necessità di interpretare operativamente la norma sul piano delle procedure del sistema sanitario, cercando di evitare ogni cattiva applicazione. La riflessione mette in risalto il contesto in cui è nato il provvedimento, con la crescente esigenza da parte dell’opinione pubblica di dare spazio all’autodeterminazione del malato. Su tale aspetto la paura di “superare i limiti” è dietro l’angolo: tuttavia la legge richiama il criterio dell’appropriatezza clinica dei trattamenti, valutata dai curanti, alla luce degli standard scientifici e professionali vigenti e nel rispetto della propria coscienza.

Altra questione centrale è la nutrizione e idratazione artificiale, che la legge include tra i trattamenti sanitari che possono “sospendersi”. Il medico è tenuto a rispettare la volontà del paziente che le rifiuti, con una consapevole e informata decisione. Il rischio è quello di dare una concezione riduttiva della malattia, intesa come alterazione di una particolare funzione dell’organismo, perdendo così di vista la globalità della persona, in quanto essere corporeo, e il suo bene complessivo.

Non meno importante è il momento della stesura ed il valore delle DAT. Pur nella necessità di informare in modo adeguato il paziente, si corre però il pericolo di ridurre le dichiarazioni ad un mero atto formale. Cosa che andrà evitata favorendo uno stile che permetta la più corretta comprensione dell’informazione medico-clinica.

Don Casalone evoca poi il tema dell’obiezione di coscienza, che la legge non prevede. Ma, d’altro canto, introdurla sarebbe stato assai complesso, dato che (a differenza dell’aborto) si tratta spesso di casi non sempre determinabili. Si giunge quindi al nodo cruciale: il rapporto fra diritto ed etica, il primo rivolto al linguaggio generale di fattispecie e condotte, la seconda mirata alla coscienza. A tal proposito il CEF (Comitato per l'etica di fine vita) afferma che una legge «non potrà mai risolvere da sé sola tutti i casi con la loro singolarità. Lo Stato deve promuovere la competenza del personale medico e riporvi fiducia”.

Ultimo timore sollevato riguarda l’abbandono terapeutico, del quale però non si ha traccia nel testo di legge. Anzi, si chiede al medico di promuovere ogni azione di sostegno, anche mediante servizi di assistenza psicologica.

La soluzione migliore, sostiene il Collaboratore nella Sezione scientifica della Pontificia Accademia per la Vita, è quella di lasciar massimo spazio al dialogo in modo da giungere a posizioni condivise, così come suggerisce lo stesso Pontefice (2017) «argomenti delicati come questi vanno affrontati con pacatezza: in modo serio e riflessivo, e ben disposti a trovare soluzioni – anche normative – il più possibile condivise […] in un clima di reciproco ascolto e accoglienza».

QUI, l'articolo integrale di Carlo Casalone

Condividi su:

Una festa di compleanno è una festa di famiglia, è l'occasione per festeggiare chi aggiunge un altro anno al suo cammino, è l'occasione per stare insieme in allegria.


Questa volta la festa dei compleanni del PCDO di Seregno è stata animata dal gruppo di ballerini di “danze popolari” dell’Unitel di Seregno. Sulla tanto amata torta tiramisù, hanno spento le candeline Rosario, Emilio, Filomena, Rina, Luigi, Rosanna, Emilio e Pietro.

Basta poco, per essere felici e per far felici: un po' di musica, una fetta di torta, rigorosamente al tiramisù!

Condividi su:

Lunedì, 19 Marzo 2018

Seregno - la danza è vita!

Ballare è un'arte, è un alimento per il corpo e medicina per il cuore. La musica porta allegria e i balli hanno portato dolci ricordi del passato.

Con questo spirito 21 ballerini si sono esibiti per gli ospiti del Piccolo Cottolengo Don Orione di Seregno. I ballerini si sono cimentati in un ampio repertorio di balli da sala, fox-trot, valzer lento, beguin, balli di gruppo come samba, tarantella, mambo e i classici del ballo liscio come Mazurka, valzer, polka di gruppo.

Il ballo e la musica fanno nascere il sorriso, c'è chi tiene il tempo, chi vorrebbe buttarsi nella mischia e chi ci prova davvero!

Un pomeriggio come questo è piacevole non solo perché si assiste ad uno spettacolo; diventa un pomeriggio speciale per la bellezza della danza e della musica, per la dolcezza che i passi esprimono. In poche parole, un pomeriggio così è un dono, perché viene dalla generosità di chi ha regalato un momento diverso e gioioso.

Quindi, il grazie non può essere generico e generale: vale la pena di ringraziare ogni persona, ogni cuore che ha reso possibile questo piccolo, grande miracolo di generosità: grazie a Giuseppe, Paola, Vittorio, Tatiana, Franco, Laura, Luigi, Nunzia, Giuseppe, Rosa, Gianni, Paola, Luciano, Carmela, Luciano, Alessandra, Renato, Daniela, Matteo, Enza e Dora.

Condividi su:

Martedì 20 marzo parte la prima di molte iniziative previste nell'arco dell'anno per festeggiare il cinquantesimo anniversario del Centro Medico Sociale Don Orione di Savignano Irpino.

La decima edizione di Cuori senza confini si apre con un primo incontro patrocinato dalla Diocesi di Ariano Irpino - Lacedonia: alle ore 18 si terrà la presentazione del libro "Tanto per cominciare" di Don Achille Morabilto, sacerdote orionino esperto in Sacra Scrittura, con gli interventi dell'autore, del direttore del Centro Fabrizio Lanciotti e del Vescovo di Ariano Irpino Monsignor Sergio Melillo.

Alla sera, una cena di beneficienza presso un noto ristorante della zona raccoglierà fondi destinati alla nuova missione di Miandrarivo in Madagascar. Il contributo aiuterà i bambini della missione ad andare a scuola, a ricevere cure mediche e vaccinazioni, assicurare un pasto quotidiano (ciotola di riso), fornire il materiale didattico e vestiario.

Per altre informazioni e adesioni clicca QUI

Condividi su:

Una giornata di studio e formazione su un tema delicato e attuale: la cura, l'assistenza a chi soffre e sta percorrendo l'ultimo tratto del suo cammino.

Venerdì 9 marzo, a Genova, presso il Teatro Von Pauer, Endofap Liguria, in collaborazione con la Fondazione Sacra Famiglia Onlus, ha organizzato un convegno per le professioni sanitarie intitolato "Percorsi di simultaneous care e cure palliative: strategie per una migliore qualità di vita della persona". Il Convegno è stato un’occasione di confronto sulle tematiche delle cure palliative e sugli indirizzi e scenari futuri di questa disciplina. La legge 38/2010 ha segnato una svolta importante in questo ambito garantendo l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore “ai pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un’inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici”, estendendo il concetto di cure palliative oltre che al malato oncologico anche ad altri tipi di patologie (fibromialgia, Parkinson, demenze).

Il Convegno, dopo i saluti iniziali di MOnsignor Nicolò Anselimi, Vescovo Ausiliare per la Diocesi di Genova, ha visto la presenza di una ricca schiera di relatori, provenienti dalle principali realtà sanitarie e di ricerca liguri, quali l'Opedale Galliera e l'Ospedale San Martino di Genova, oltre ad esperienze di Torino e Forlì. Tra gli interventi, anche quello di Davide Gandini, segretario generale del Piccolo Cottolengo Genovese, che ha richiamato all'importanza che gli operatori di questi servizi non si facciamo vincere dalla ripetività dei gesti quotidiani, ma conservino la capacità di vedere la persona, prima di curare i suoi sintomi.

Gli interventi sono stati coordinati dal dott. Massimo Luzzani, Dirigente Medico “S.S.D. Cure Palliative” E.O. Ospedali Galliera – Genova, dalla  Dott.ssa Grisetti Roberta, Medico Responsabile Hospice Fondazione Istituto Sacra Famiglia e dalla Dott.ssa Giuseppina Rampello, Medico palliativista - Fondazione Sacra Famiglia.

I lavori del convegno ed il senso profondo delle cure palliative si possono sintetizzare in una frase di Cicely Saunders, un'infermiera e medico, che ha contribuito alla diffusione degli Hospice, sottolineando l'importanza delle cure palliative nella medicina moderna: "Il tempo è questione di profondità e non di durata".

Gli ultimi momenti di vita possono essere ricchi di umanità e di affetto, anche grazie al supporto professionale ed umano di chi è accanto al malato: l'approccio palliativo non è solo per gli "specialisti", è un modo di stare accanto a chi soffre, di dirgli "non sei solo".

Condividi su:

Venerdì, 09 Marzo 2018

Selargius - Un 8 marzo speciale

Sono trascorsi 14 anni dall’otto marzo 2004, giorno in cui si dava inizio a Selargius ad un’altra opera di Carità della famiglia orionina: un Centro Diurno creato per accogliere giovani con deficit mentale e dare risposta all’emergente problematica dovuta alla malattia di Alzheimer.
Oggi il Centro rappresenta in Sardegna un modello di organizzazione, professionalità e soprattutto di accoglienza e riconoscimento della dignità della persona.La mission dell’Opera trova la sua espressione nel lavoro quotidiano di operatori e volontari che combinano la professionalità alla passione e non lasciano nulla di intentato per rispondere ai bisogni e desideri dei nostri ospiti per garantire loro una vita di qualità.

Il compleanno del Centro è stato festeggiato ieri coinvolgendo gli ospiti, i loro  familiari e alcuni rappresentanti della Casa di Riposo, dedicando anche un momento di riflessione alle nostre missioni orionine e lasciando poi che l'allegra animazione degli operatori coinvolgesse tutti i presenti.
Il momento del pranzo è stato quello più atteso da tutti, perché gustare una fetta di mortadella accompagnata dalla salsiccia fresca cucinata alla brace e una porzione di pecorino fresco risponde alle aspettative e desideri di un pasto come fatto in casa.
Non sono mancati i dolci generosamente portati dai familiari che hanno reso la festa completa e da ripetere.

Con l’auspicio di poter rivivere a breve altri momenti come questi e ringraziando per quanto ricevuto, familiari e ospiti hanno poi  lasciato il Centro che ormai sentono come una casa loro.

Condividi su:

La reliquia di San Giovanni Paolo II è arrivata al Centro Don Orione di Bergamo: non si tratta di una semplice constatazione, ma il dischiudersi di un‘attesa carica di speranza.

Custodita dallo stemma, arriva a destinazione sotto gli sguardi carichi di stupore di operatori, volontari, alpini, familiari e ospiti.
Il gruppo l'ha accolta con raccoglimento, accompagnandola in chiesa, con l’umiltà del discepolo che, scortando il suo maestro, non può far altro che guardarsi i piedi.
Mentre avveniva l’insediamento nella sua dimora temporanea, la preghiera commossa dei presenti ha avvolto la reliquia di un abbraccio caldo e autentico, rammentando una cosa fondamentale: essa respira, è il frammento di un’anima grande, di un uomo che è storia nella storia.

La santa messa, celebrata il giorno successivo e presieduta da Monsignor Pelucchi, vicario diocesano, ha visto la numerosa presenza degli abitanti della casa, di fedeli e autorità del territorio.

Ora la reliquia compie il suo cammino nei reparti del Centro Don Orione, accompagnata dalla preghiera, pronta a raccogliere le intenzioni dei familiari, malati, operatori, volontari. In questo suo pellegrinare, risuona dolce come una carezza l'invito di Giovanni Paolo II: non abbiate paura, aprite, anzi spalancate le porte a Cristo!



Condividi su:

Un altro mese è terminato e questo significa solo una cosa al PCDO di Seregno: la festa dei compleanni!
Con l'animazione dell’amico Pippo, il personale con i parenti e gli ospiti hanno festeggiato i compleanni di Carolina, Angelo, Mario, Flavio, Erminia e Annamaria.

Balli e canti hanno fatto da padroni rendendo la festa splendida, ricca di felicità ed allegria.

Un grazie di cuore va anche ai volontari, sempre in prima linea per aiutare gli ospiti.

Condividi su:

Sabato, 24 Febbraio 2018

Seregno - Esibizione di Muay Thai

La Muay Thai ha origine in Thailandia, ed è un sistema di combattimento che comprende sia colpi del pugilato, ma anche calci, l’uso dei gomiti e delle ginocchia.
La scorsa settimana, alcuni degli ospiti del Centro Don Orione di Seregno, armati di guantoni, hanno vissuto in prima persona questa disciplina.
Un ringraziamento speciale va al presidente della FIMT, Davide Carlot, e a tutti i suoi ragazzi che si sono esibiti: Andrea C., Andrea C., Alessandro L., Marco C. ed Andrea L..
Grazie a tutti e alla prossima esibizione!

Condividi su:

Pagina 6 di 21

Cerca nel sito DOI

#seguilastella

Los desamparados

 

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3