"Date buon esempio: è la vostra prima missione."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Lunedì, 13 Giugno 2016

AMO - Amici Missioni Orionine

È online da qualche giorno la pagina Facebook ufficale delle Missioni Orionine della Provincia Italiana.

Clicca QUI per conoscere e restare in contatto con le Missioni dell'Opera Don Orione della Provincia italiana: Madagascar Ucraina, Romania e Albania.

screenshot.274

Condividi su:

Ieri, mercoledì 8 giugno 2016, dalle case orionine di Genova ospiti, sacerdoti, suore, dipendenti, collaboratori e volontari sono saliti al Monte Figogna per il pellegrinaggio nell’Anno Santo della Misericordia attraversando la Porta Santa e partecipando alla Celebrazione Eucaristica presieduta dal Card. Angelo Bagnasco. A guidare il pellegrinaggio il direttore Don Alessandro D’Acunto. Erano presenti il direttore provinciale Don Aurelio Fusi, l’economo Don Walter Groppello e i due consiglieri Don Maurizio Macchi e Don Leonardo Verrilli. Alle ore 10.30, davanti alla Cappella dell’Apparizione con il canto Vergine benedetta, il direttore Don Alessandro D’Acunto ha dato inizio a questo pellegrinaggio: “Vogliamo vivere come motivo di gioia e soprattutto di fede, questo nostro pellegrinaggio - ha detto Don D’Acunto - noi oggi siamo qui sulle orme di Don Orione e la sua presenza la vediamo qui dalla statua davanti a questa Cappella che ci vuole ricordare la notte trascorsa in preghiera alla vigilia di una grande decisione: quella di acquistare il Paverano”.
Giunti sul piazzale del Santuario il gruppo che contava in totale 450 persone è stato accolto dal rettore Mons. Marco Granara: “Benvenuti nel nostro Santuario” sottolineando subito con questo aggettivo l’appartenenza orionina di questo luogo. Ha poi ricordato una delle frasi mariane di Don Orione che diceva ai pellegrini che accompagnava sul Monte Figogna: “Maria ci porterà a Gesù ed Egli ci guarirà da tutti i nostri mali, da tutte le nostre ferite”. Pregando ed invocando i Santi si è attraversata la Porta Santa e preso posto per la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Card. Angelo Bagnasco ed animata dal coro delle ragazze del Piccolo Cottolengo con i loro animatori ed educatori.
Nell’omelia il Card. Bagnasco, riferendosi al brano evangelico proclamato, ovvero quello della visita di Maria ad Elisabetta, ha voluto sottolineare quanta carità fraterna/evangelica ha avuto anche Don Orione. “Oggi, questa carità - ha proseguito - continua attraverso i suoi figli e voi malati siete il segno particolare di Gesù crocifisso e sofferente. Dobbiamo mantenere tutti insieme il nostro cuore vivo alla sorgente dell’Amore”.
Prima della benedizione, il direttore provinciale Don Aurelio Fusi si è rivolto al Cardinale con parole molto filiali: “Eminenza, salendo al Monte, mi sono venuti in mente i punti di riferimento di Don Orione che tutti noi conosciamo: Gesù, Maria, Papa e Anime. Siamo saliti con questa motivazione: vogliamo imparare da Maria, come Lei ci ha ricordato nell’omelia, a consegnarci a Gesù. Noi ci sentiamo davvero accompagnati, condotti da Gesù, dal suo amore per noi perché desideriamo renderlo vivo attraverso la carità che Don Orione ci ha insegnato. Oltre naturalmente al Santo Padre, sono due i vescovi che noi amiamo di più: il vescovo di Tortona e il vescovo di Genova, perché Don Orione ha segnato queste due Diocesi, in un modo particolare: rendendole, possiamo dire, due sorelle e pertanto ci viene spontanea la preghiera per voi”. Dopo un bel momento di fraternità con la condivisione del pranzo, si è ritornati in Santuario per la recita del Santo Rosario.
Si conclude così questo pellegrinaggio, si “scende dal monte” ricaricati nello Spirito, abbracciati dalla misericordia del Padre e confortati dall’intercessione di Don Orione, lui che è “padre dei poveri e benefattore dell’umanità sofferente ed abbandonata”. Facciamo nostre le parole del Cardinal Bagnasco che ha concluso la sua riflessione con questa invocazione che per tutti diventa preghiera e programma quotidiano di contemplazione, di vita, di azione: “La Madonna ci aiuti a mantenere il nostro cuore “vivo”, in questo giorno giubilare nel quale abbiamo attraversato la Porta Santa, simbolo di Cristo, porta delle pecore, perché introducendoci nel cuore di Dio e della Trinità, rinnovi e tenga viva la fiamma dell’amore di Dio perché possa alimentare l’amore quotidiano per i nostri fratelli”.

Guarda QUI tutte le foto

 

Condividi su:

Si è concluso con grande successo, venerdì 27 maggio 2016, presso il teatro Don Orione di Ercolano, la 4° edizione dell’evento “TogOrione Ensemble” a sostegno della missione orionina di Bombouaka.
Il progetto ha visto coinvolti sessant’otto studenti della scuola elementare “Don Lorenzo Milani” di Torre del Greco (NA), i quali hanno lavorato per tutto il loro percorso scolastico allo sviluppo e alla corroborazione dei concetti di rispetto e apertura verso l’altro, grazie al lavoro coeso tra le docenti e i volontari di TogOrione.
Quest’anno lo spettacolo, a cui hanno preso parte anche alcuni ragazzi del centro Don Orione di Ercolano, è stato tratto dal libro “Un abisso in superficie e i sussurri sommersi” di Angela Valentino, metafora sul come l’essere umano si chiude spesso in una menzogna e cede alla paura del confronto, cercando una realtà meno impegnativa e meno compromettente.
Lo scopo del progetto, oltre alla raccolta fondi funzionale al sostegno delle popolazioni togolesi, è l’educazione e la sensibilizzazione del rispetto alla diversità che è possibile grazie alla fiducia e alla sinergia di tutti coloro che vi credono e vi collaborano.

Condividi su:

Sabato, 04 Giugno 2016

Ercolano - La Musica del Cuore

Il Centro Don Orione di Ercolano da alcuni anni porta avanti un progetto a sostegno di alcune Missioni Orionine in Africa, nello specifico: Mozambico, Togo, Burkina Faso, Madagascar. Il cuore del progetto è garantire istruzione, formazione ed autonomia nel pieno rispetto delle realtà locali.
La “Musica del Cuore” vuole essere un modo per incontrare chi già sostiene il progetto e per condividere con chi ancora non è venuto a contatto di questa meravigliosa realtà, la possibilità di crescere e migliorare.
Domenica 5 giugno alle ore 20:00 presso il Teatro San Luigi Orione di Ercolano la 4^ edizione di “La Musica del Cuore”. L’intero ricavato della serata andrà a favore della Maternità Orionina di Tampellin in Burkina Faso. A rendere omaggio alle donne di Tempellin uno dei gruppi storici della scena musicale italiana: i Neri per Caso, che attraverso le loro inconfondibili voci creeranno un’atmosfera ricca di suggestioni.
Ospite della serata Felix Adado, da “immigrato clandestino” a poeta, mediatore culturale ed autore di progetti per le scuole.

Condividi su:

Anche quest’anno, come di consueto dal 2013, un gruppo di ragazzi del Reparto Don Pensa, appartenente all’Istituto Don Orione di Ge-Camaldoli, si è recato ogni settimana presso la piscina comunale del quartiere di San Fruttuoso appartenente alla SOCIETA’ SPORTIVA DILETTANTISTICA IDEA SPORT a R.L. per svolgere l’attività motoria di nuoto che è sempre stata da loro offerta gratuitamente ai nostri utenti.
La cornice molto familiare comprende: le istruttrici, quattro ragazze (Paola, Giorgia, Francesca, Claudia), Cristina (segreteria), Gabriella (coordinatrice), Eliana (guardaroba), che hanno dimostrato di essere in grado di unire professionalità ad empatia ed accoglienza nei confronti di tutti. Per questo   motivo, i nostri utenti hanno sempre partecipato volentieri all’attività. I “nuotatori” sono sette persone con problemi psicofisici; in acqua però hanno dimostrato di saper unire l’aspetto ludico alla voglia di imparare dimenticandosi delle loro disabilità; infatti appena entrati in vasca cominciano a scherzare, a lasciarsi andare e addirittura qualcuno a cantare.
Per festeggiare la fine del corso 2015/2016 e “premiare” quest’atmosfera amicale, a conclusione dell’ultima lezione, focaccia per tutti e un brindisi con spumante…ovviamente senza esagerare!!!

Condividi su:

Martedì 17 maggio 2016 un piccolo gruppo di 8 persone appartenente al Piccolo Cottolengo di Don Orione di Genova-Camaldoli ha preso parte all'evento “Social Sea-Vela Sociale”: un bellissimo giro in barca a vela; organizzato dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “Il Pontile” di Genova-Pra a cura di Lidia Schichter. Vi hanno partecipato 6 ospiti del reparto Don Pensa accompagnati da due educatori. Il tempo era bello, caldo e sereno, finalmente primaverile.
Una volta arrivati i ragazzi sono subito saliti, divisi in piccoli gruppi, a bordo di 3 differenti barche: con ben 2 esperti naviganti su ciascuna di esse. Il giro è durato quasi 2 ore; durante il quale i due gentilissimi marinai hanno insegnato ai ragazzi ad utilizzare il timone e le vele permettendo loro di governare l'andatura della barca!! Hanno imparato così ad orzare, poggiare, lascare e cazzare la vela, o, ancora, a virare o eseguire una strambata oppure apprendere termini come fiocco, mezzo fiocco, mezzo marinaio...e altre diavolerie ancora che riguardano il mondo della nautica!
Ritornati a terra, riuniti di nuovo tutti insieme, i marinai hanno offerto anche il pranzo con panini e Coca-Cola.
Da sottolineare l'affettuosità e disponibilità delle persone che hanno accolto e guidato in mare i ragazzi; uomini cordiali, semplici e pazienti.
Bisogna infine riconoscere che l'esperienza in mare ha appagato e riempito di orgoglio, in modo evidente, gli ospiti.

Condividi su:

Il 16 maggio 2016 presso Villa Lomellini, Opera don Orione, a Montebello della Battaglia è iniziato il XIV Capitolo Generale dei Figli della Divina Provvidenza che eleggerà il nuovo Superiore Generale e Suo Consiglio.
“Servi di Cristo e dei Poveri” è il tema su cui i Capitolari eletti saranno chiamati a riflettere nelle prossime tre settimane.
In occasione di questo importante evento, è stato attivato un piccolo progetto che tenta di  fornire un esempio di fraternità e di spirito Orionino. Tre profughi ospitati al Piccolo Cottolengo di Seregno e coordinati dalla Signora Rosy Cavallaro si occuperanno infatti di gestire i servizi di lavanderia e guardaroba e saranno di supporto alle attività di pulizia e giardinaggio.
Questa bella iniziativa tenta di essere espressione di solidarietà, aiuto ed accoglienza alle nuove fragilità nello spirito e nel Carisma del Fondatore dell’Opera.
Nelle fotografie, Eduart, Rosy, Lassana, Diallo, Wague

seregnocapitolo1seregnocapitolo2

Condividi su:

Grande successo di pubblico per il concerto di beneficenza promosso dal MLO di Reggio Calabria in collaborazione con la cover band “I Migliori Anni”, ospitato nell'Auditorium Don Orione. L'evento artistico ha consentito una significativa raccolta fondi per il progetto “I Bambini di Don Orione”. Il progetto nato lo scorso anno, prevede di dare la possibilità ai bambini bisognosi della parrocchia e della città, di trascorrere 7 giorni vacanze montane nella colonia dell'Opera Antoniana delle Calabrie a Gambarie. Lo scorso anno 14 bambini hanno trascorso in assoluta allegria giornate per loro indimenticabili, seguendo e lavorando con gli educatori il tema del campo: “Ho aperto il cuore e le braccia...mi fido di te”.
Grazie alla provvidenza e all'aiuto di Don Orione quest'anno si raddoppierà il numero dei bambini e grazie soprattutto alla generosità dei benefattori che, appena conosciuto il progetto, non hanno esitato a contribuire alla sua realizzazione. Così è stato anche per la cover band “I migliori anni”, composta da professionisti (medici, professori, imprenditori) che si sono esibiti sul palcoscenico dell'Auditorium a titolo gratuito donando tutto l'incasso. “Siamo fieri - dice la Dottoressa Cristina Luvarà componente della Band e promotrice dell'evento musicale - di aver contribuito a donare un sorriso ai bambini che parteciperanno al campo e soprattutto di aver conosciuto la grande opera di Carità di San Luigi Orione. Voi del MLO, ci avete trasmesso e fatto conoscere con semplicità in queste giornate di preparativi del concerto, il Carisma e le Opere realizzate da Don Orione che difficilmente dimenticheremo.”
Anche un attore reggino ha voluto prestare la sua dote artistica, infatti il giorno 5 giugno si esibirà all'Auditorium Don Orione a titolo gratuito, per la raccolta di fondi da donare al progetto “I bambini di Don Orione”.
Grazie a Dio, a Don Orione e ai benefattori il progetto, piano piano sta prendendo il volo.
Scriveva San Luigi Orione: “Siamo Figli della Divina Provvidenza! Non siamo di quei catastrofici che credono il mondo finisca domani; l’ultimo a vincere sarà Iddio, e Dio vince in una infinita misericordia.”

Condividi su:

Per definizione un pellegrinaggio è “un viaggio verso un luogo sacro, fatto per devozione, penitenza, preghiera”.
La famiglia orionina genovese, il 13 maggio, ha deciso di intraprendere questo “viaggio” verso il Santuario francescano della Madonna del Monte, sulle alture di Genova.
È stata una giornata molto piacevole, passata in compagnia di amici e all’insegna della condivisione.
Il tutto è iniziato con la celebrazione della Santa Messa, durante la quale padre Ennio, il Guardiano del Santuario, ha invitato tutti i presenti a pregare e ad affidarsi alla Madre Santissima. Un invito accolto con particolare coinvolgimento perché, oggi 16 maggio inizia il XIV CAPITOLO GENERALE della Congregazione Orionina. E a chi, se non a Maria, tanto amata da don Orione, è possibile affidare il compito di guidare e consigliare le menti e i cuori di quanti dovranno eleggere il nuovo Superiore Generale?
Al termine della messa, vi è stata l’accoglienza nella “casa” dei frati per pranzare tutti insieme. Tra un “buon appetito” e una risata, il tempo è volato e prima di far ritorno ognuno nella propria abitazione, si è recitato il S. Rosario.
Una giornata semplice, un pellegrinaggio vissuto col cuore, un arrivederci al prossimo anno certi di trovare ancora dei veri Amici pronti ad accogliere nel migliore dei modi, quello dell’Amore.

Condividi su:

Martedì, 10 Maggio 2016

Seregno - Festa della mamma

Viva le mamme del Don Orione di Seregno.
Son tutte belle le mamme del mondo, ma ancora più belle quelle del Piccolo Cottolengo di Don Orione di Seregno!

Domenica 8 maggio, insieme alla struttura, le mamme della residenza hanno goduto di una festa a loro dedicata.  La musica di Franco Ballabio, il dolce preparato dal cuoco della Casa e l’allegria di familiari, volontari e operatori sono stati gli ingredienti per un scatenato pomeriggio di balli e canti.

Condividi su:

Pagina 33 di 39

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3