"Fiat! Pronunciatela questa parola, cuori spezzati dalla sofferenza e dalla lotta e sarà per voi un balsamo che vi guarirà."
Don Orione

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3

Lunedì 12 febbraio nello spensierato quanto festoso clima proprio del tempo di carnevale, seppure con qualche ora di ritardo rispetto alla data posta dalla tradizione nel giorno 11 di febbraio, anniversario delle apparizioni di Lourdes, anche gli anziani ospiti del Centro medico sociale “Don Orione” di Savignano Irpino, hanno avuto modo di vivere la loro giornata del malato.


Entrati nella festa fin dalla tarda mattinata grazie alla disponibilità di alcune volontarie e parrucchiere che hanno provveduto a “fare la testa” alle signore accolte in struttura per successivamente condividere con loro le tradizionali chicchere di carnevale anche nel bel clima festoso di un compleanno decisamente avanzato per l’età dell’interessato, nel primo pomeriggio Don Nello Tombacco, direttore delle case orionine di Napoli ed Ercolano, ha celebrato una Santa Messa nella quale è stato amministrato l’olio santo a chi lo desiderava.

Ben partecipata e animata da qualche canto sul tradizionale, è risultata un apprezzato momento di fede che ha aiutato tutti a comprendere quanto anche insegnato da Papa Francesco: “Il tempo passato accanto al malato è un tempo Santo.” È lode a Dio che ci conforma all’immagine del suo Figlio il quale “non è venuto per farsi servire ma per servire”.

Condividi su:

Giovedì, 15 Febbraio 2018

Seregno - S. Messa dell’Ammalato

In un clima di raccoglimento, di silenzio e di consapevolezza di quanto avveniva, nel Santuario di Maria Ausiliatrice alle ore 15.00 di sabato 10 febbraio, si è celebrata la S. Messa dell'Ammalato presieduta dal Prevosto Mons. Molinari Bruno e concelebrata dai Sacerdoti del Don Orione che hanno amministrato il Sacramento dell'Unzione degli Infermi a diverse persone anziane, malate e disabili. È sempre un momento toccante quello che si vive con chi, in tanti modi, è ferito dalla vita.
Il richiamo della giornata è un invito rivolto a tutti i cristiani di portare ai malati lo sguardo di tenerezza e di compassione di Gesù che proprio dalla croce ci ha affidati a Maria che noi invochiamo come "salute dei malati" e "Madre della tenerezza".

 

Condividi su:

Mercoledì, 14 Febbraio 2018

Pescara - Il Vescovo incontra i malati

Domenica 11 febbraio, l'Arcivescovo di Pescara-Penne Monsignor Tommaso Valentinetti ha voluto celebrare la giornata mondiale del malato presso l'Istituto Don Orione di Pescara.

Dopo un momento di accoglienza e la recita del Rosario,i partecipanti hanno ascoltato il messaggio di Papa Francesco per questa giornata e la toccante testimonianza di Claudia, una ragazza rimasta paralizzata a causa di un incidente, che ha raccontato il suo percorso di accettazione della sedia a rotelle e di tenacia per continuare a vivere, a lavorare.

Il pomeriggio, organizzato dall'Ufficio di Pastorale Sanitaria della Diocesi, si è concluso con la solenne concelebrazione, presieduta dal Vescovo: insieme a lui, erano presenti Don Aurelio Fusi, Padre Provinciale, e tutti i sacerdoti del Consiglio Provinciale della Provincia Religiosa Madre della Divina Provvidenza. Tra i fedeli, molti malati, familiari e volontari di diverse associazioni.

Il Vescovo ha spiegato nell'omelia il significato della guarigione del lebbroso da parte di Gesù: egli compie il miracolo, perché vuole cambiare la condizione di quell'uomo, da rifiutato, scartato, come direbbe Papa Francesco, a uomo nuovo sia interiormente che esteriormente. Il pastore della Diocesi ha anche ricordato che la giornata del malato è un momento importante di preghiera e di riflessione, ma la cura, la vicinanza agli ammalati sono comportamenti da attuare ogni giorno, sono il segno della quotidiana presenza di Dio nella nostra vita.

Condividi su:

Mercoledì, 14 Febbraio 2018

Seregno - Suoni in gioco a Monza

Un bel gruppo di ragazzi del Centro Don Orione di Seregno si è recato alla Galleria Civica di Monza per essere protagonisti di una mostra interattiva in cui giocare e divertirsi con la musica.
I ragazzi hanno potuto utilizzare particolari strumenti nati dalla fantasia e dall'utilizzo creativo di materiale di riciclo.
Terminata la bella esperienza, una passeggiata in centro a Monza con sosta da "Spontini" per una gustosa pizza in compagnia e un buon caffè.

Condividi su:

Venerdì 9 febbraio si è svolto un bel momento di vita ecclesiale al Centro Don Orione di Ercolano. I giovani hanno incontrato il Cardinale Sepe, in un incontro chiamato A tu per tu.

Su apprezzata e condivisa richiesta dei parroci del nostro decanato locale – San Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano e San Sebastiano al Vesuvio – il Centro ha ospitato una folta rappresentanza di giovani – più di 300 – che hanno incontrato l'Arcivescovo Crescenzio Sepe per consegnargli, come richiesto anche da Papa Francesco, i loro interrogativi più pressanti in vista delle celebrazione ad ottobre del prossimo Sinodo dei giovani.

L’incontro, nella sua fase preliminare dell’accoglienza, è stato avviato da una festosa serie di canti utili ad acclimatare i presenti allo scopo dell’incontro. E’ quindi seguito un breve momento di preghiera articolato sulla triplice proposta dell’accogliere Gesù, dell’ascoltarlo e del parlargli. E’ stato quindi proposto un breve filmato utile a riproporre ai presenti il senso, il significato e il valore del Sinodo stesso. Di seguito, con l’aiuto di alcune slides sono state visualizzate le grandi domande che i giovani hanno consegnato al Cardinale perché le invii agli uffici di segreteria del Sinodo quale concreto contributo della nostra Chiesa di Napoli. Molte calorose e cordiali standing ovations di approvazione hanno ottenuto le riflessioni proposte dal pastore della Diocesi che “a caldo” ha voluto in prima persona risponde ad alcune domande postegli quasi a tranello in quanto non precedentemente programmate. Una sosta prolungata e affettuosamente paterna tra i giovani stessi, da parte del Cardinale, ha concluso piacevolmente la serata.

 

Condividi su:

I giorni del divertimento e delle maschere stanno per finire per lasciar posto alla Quaresima, ma anche al Piccolo Cottolengo friulano il Carnevale sarà ricordato per diverso tempo. Gli educatori e gli operatori di diversi nuclei hanno deciso di preparare uno spettacolo per il giovedì grasso.

Giuseppe e Concetta sono una coppia di innamorati (sono sposati da 7 anni) che trascorrono delle giornate molto simili alle nostre: si alzano, si lavano, fanno colazione e poi si dirigono verso i propri lavori. Si potrebbe dire: “cosa c’è di divertente in tutto questo?”.
Dietro un grande telo si nascondevano due operatori per ogni personaggio e  simultaneamente  dovevano muovere il corpo e le mani all’unisono. 
Abbiamo visto delle scene veramente divertenti: la crema da barba che veniva spalmata su tutto il viso, il latte che invece d’essere bevuto scivolava sul bel vestito di Concetta.
Divertimento assicurato per i nostri Signori, per gli operatori e per i parenti presenti.  
 
Il presentatore è riuscito a coinvolgere i nostri signori e portare anche loro in scena.
Grazie a Domenico G., Domenico B. , Cristina, Libana e Valentina per averci regalato questo splendido giovedì  grasso!

Condividi su:

Nel 1992 papa Giovanni Paolo II istituì la Giornata Mondiale del malato, come momento forte di preghiera e condivisione per riconoscere nel sofferente il Volto di Gesù. Scelse l'11 febbraio, giorno in cui si ricorda la prima apparizione della Madonna a Lourdes, meta di pellegrinaggio e di speranza per molti malati, luogo ove affidare a Maria il proprio dolore e cercare la pace interiore.

Il messaggio di Papa Francesco per la ventiseiesima Giornata del Malato richiama le parole di Gesù sulla croce,con cui affida sua madre a Giovanni e Giovanni alla madre.

Il Papa richiama la comunità cristiana al servizio ed alla cura dei malati, una lunga tradizione che caratterizza la storia della Chiesa e di cui fa parte anche l'opera fondata da Don Orione.

Dice Francesco che oggi è importante "preservare gli ospedali cattolici dal rischio dell’aziendalismo, che in tutto il mondo cerca di far entrare la cura della salute nell’ambito del mercato, finendo per scartare i poveri. L’intelligenza organizzativa e la carità esigono piuttosto che la persona del malato venga rispettata nella sua dignità e mantenuta sempre al centro del processo di cura."

Una strada, questa, che con fatica e impegno, si cerca ogni giorno di seguire nelle Case orionine, con il progetto Qualità di Vita ed i suoi strumenti, ispirati dalle parole di Don Orione "nel più misero degli uomini brilla l'immagine di Dio".

Per leggere il messaggio di Papa Francesco clicca QUI

Condividi su:

Giovedì, 01 Febbraio 2018

Legge per la vita indipendente

Con il Decreto direttoriale n. 808 del 29 dicembre 2017, della Direzione Generale per la lotta alla povertà e per la programmazione sociale, sono state adottate le "Linee Guida per la presentazione da parte delle Regioni, di progetti in materia di Vita Indipendente ed inclusione nella società delle persone disabili per l'anno 2017".
Il Programma si articola in 8 linee di intervento:
1. riconoscimento/certificazione della condizione di disabilità e valutazione multidimensionale finalizzata a sostenere il sistema di accesso e la progettazione personalizzata;
2. politiche, servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e l'inclusione nella società;
3. salute, diritto alla vita, abilitazione e riabilitazione;
4. processi formativi e inclusione scolastica;
5. lavoro e occupazione;
6. promozione e attuazione dei principi di accessibilità e mobilità;
7. cooperazione internazionale;
8. sviluppo del sistema statistico e di reporting sull'attuazione delle politiche.

Tutto il Programma si fonda sul principio di uguaglianza sostanziale delle persone con disabilità rispetto al resto della popolazione, in vista del superamento di tutte le forme di diseguaglianza aggiuntive (di genere, di età e territoriali), per rispondere alla giusta e ineludibile richiesta di cittadinanza piena e integrale delle persone con disabilità, in coerenza con le previsioni della Convenzione ONU sui loro diritti.

Clicca QUI per leggere e/o scaricare il documento integrale.

Condividi su:

Santa Maria la Longa (Ud), 26 gennaio - Un convegno per individuare un percorso efficace e dare risposte concrete alle esigenze specifiche delle disabilità, in una società che sta cambiando, e consentire alla Regione di mantenere l'attenzione che ha sempre prestato per questo ambito della salute e dell'assistenza, si è svolto a Santa Maria la Longa, al Piccolo Cottolengo Friulano di Don Orione.

Aveva infatti per tema 'Disabilità grave, qualità di vita e salute: quale modello organizzativo', era rivolto agli operatori sanitari, e ha consentito di raccogliere suggerimenti, proposte, di ascoltare problematiche, orientate ad assicurare assistenza in particolare alle persone che, accanto alla disabilità, presentano anche significative problematiche di salute.

Presente l'assessore regionale alla Salute, è stata ribadita l'importanza della struttura assistenziale di Santa Maria la Longa, tra l'altro considerata di eccellenza per la qualità dei servizi e dei metodi che la caratterizzano.

La Regione investe da sempre nel welfare e nella disabilità notevoli risorse.

In un sistema integrato che si fonda su una legge di vent'anni fa, ma va sempre di più verso l'integrazione e l'inclusione e si sta orientando verso un'offerta per il bisogno di salute e di assistenza sempre più mirata ai diversi bisogni della disabilità e della persona.

La disabilità ha infatti diversi livelli di esigenze, e la valutazione è il primo passo per comprendere il livello di bisogno ed il Piccolo Cottolengo Friulano Don Orione si può candidare per dare risposta a una tipologia specifica della disabilità.

Oggi, anche le persone disabili invecchiano di più, essendosi prolungata l'aspettativa di vita, e occorre adeguare le risposte al bisogno di salute che è in cambiamento.

L'evento è stato organizzato da Endo-fap nazionale segreteria organizzativa in collaborazione con Endofap Liguria provider ECM.

Condividi su:

Il Centro Don Orione di Ercolano ha tenuto a battesimo la nuova disciplina FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) di Powerchair Football.
Il 26 gennaio nella palestra dell’Istituto Superiore Adriano Tilgher c'è stata la presentazione ufficiale della prima squadra del calcio giocato in carrozzina elettrica, giocata da 10 giocatori coordinati dal referente tecnico nazionale Diego D’Artagnan.

Condividi su:

Pagina 8 di 33

Cerca nel sito DOI

VII Convegno Apostolico

convegno apostolico 6

#seguilastella

Los desamparados

Pubblicazione periodica di informazione scientifica Anno 2 / Numero 3